Il Dizionario della Lingua Italiana di Niccolò Tommaseo
     Home           Il Dizionario      Il Progetto      Contatti
spacer

Voci del dizionario

 

spacer

 

ACCUSARE

accusare
accusare
accusare

 
spacer

Voci che contengono:

 

spacer
©   F . B O N O M I   2 0 0 6 - T U T T I   I   D I R I T T I   R I S E R V A T I



Caddemi di collo; per accusare dirti il ver); ma teco peccato. Chi si scusa s sempre per chiedere pena, ne sempre si puo provare il fatto denunziato. Poi in genere, non solo di e la costituiti in tribunale. Nel senso piu proprio a jus criminale. In virtu d ordine giudiciale Chiamare persona al tribunale perche Com. ant. Inf. XII. 72. leqge e punita. S Beni. 11. 62. E disse umilemente: Non e reo chiunque e accusato, ma chi e convinto e provato. Salvin. Pros. Rim. 184. Quegli che e accusato 10. 40. (C) Non accuso Bemb. Stor. 1. 122. Ne lecito essere lo accusare alcuno, Aveva messo su e imbecherato signori capi. Bocc. Dee. 2. accusarglisi umilemente del pensiero, ch infermo accusa un dolore sordo ed il corpo, e diagliela borsa. Ar. Fur. 5. 68. edificatore della torre.) Buonarr. Descr. sia accusata. Dav. Tac. Vit. l non dimostrabili innanzi alla impose che accusasse Silano. Varch. Stor.9. 224. se non di concessione de Giorgio che l e per tagliacantoni. [t.] Accusare Voglio anzi essere accusato che accusare , e sostenere ingiuria che farla. Cavalcarli. B. Retor. 402. (C) Per essere egli consueto (solito) a difendere, dia io m accuso Per iscusarmi. si manifesta per il superbo col Come. Mach. Stor. Fu Siccome nelle cose del popolo. = Lastr. Agric. 1. 16. (C) Fosse accusato altrui malvagita, le stregonerie, de persona morta. Cin. Rim. HO. in paragone degli altri, le piu strabocchevoli raccolte. [Cam.] Gian. Op. 2. 262. Al capitano non possiamo essere accusati per sforzatori di case ; perche Accusare vale in questo senso fare quello che li piace in Accusare un dolore e non la colpa, ma il titolo del colpevole. L ha accusato di di scusarsi, s accusa. = Socrate cominci il giuoco, e messe Col Di e l Inf. L accusano del dire il Puo versare anco sopra colpe accusano che non si farebbe un falsario. [t.| [t.1 La natura co delitto, tutte le cose, che bisognavano 2. [t.] Imputare altrui la causa d una colpa, o parte di quella fuor di giudizio; ma in senso prossimo a accusa solenne e grave. vero; Con piu accanimento Agric. 387. (Man.) Cesare gl pubblica autorita. = Dav. Tue. Stor. volg. 2. 417. D altri fogli che lettere. d esser venuto, rotta la carcere, a farsi capo della parte che sono a cavallo a cavallo, accusasi suo figliuolo che egli stesso s accusa. (Nembrotte, col Macedoni con le donazioni. [Cam.] Adr. Plut. Op. 95. Bart. Dan. Come non saremo al convenevole di sua eta, appetisse di maneggiar troppi affari. = che in risposta d esse falsa che accuso Giuseppo (la moglie di Putifarre). Tass. di cosa non detta convenientemente e chi sospetti, e chi mali altri che a chi l accusa approve? Mach. Disc. 3. 167. Accusando alcuno i popoli e i principi insieme, potrebbe 3. 237. Non voglio che i principi, s punto giusto. [Val.] Salviat. Granch. denunziasi ad pensieri vostri ; colpa, ne sempre pubblicamente. Accagionare e Accusare hanno la medesima origine, causa: quindi e che ogni uno e in cio forzato, in cambio perche l accusa contiene il dice in propria persona di Plut. Op. 2.18O. I compagni (del fanciulleilo spartano) veggono 1 freno, [t.] l origine sua. Di cose, esser meglio appalesare la volpe Irubata) che nasconderla con rischio di morte. Salvili, lise. 3. 162. Accusava (Diogene) gli uomini, in difesa della Fortuna, dicendo, chiedere essi i beni, che a loro paiono tali, ma non gia quelli, che sono in realta. = Vit. S. Domitil.<293. (Man.) Generalmente accusa lo alt. Denunziare la ronfa giusta. Agost. C. D. 1. 26. Or chi incolpera l ubbidienza e accusera il servigio della divozione ? Tass. Gerus. puo essere innocente e colpevole. II fervor di magnifiche parole, Quando nasce d ardir, [t.] Accagionare, o la finestra) Che per delle donne. S. [t.] Not. l Dant. Purad. sia provata la violazione della dire le colpe proprie cose l accusano. 304. (C) Accuso la comparsa Io dubito grandemente che in dell animo, i costumi. Assol. Il suo viso lo accusa. Accusare non solo uno di suoi moti e colle sue leggi accusa chi le nega o ad esse contrasta. In senso men grave. Red. Lett. fam. accusar d inutili schiettamente, imperfettamente, e sim. 9. fo riflessione che... io sono di fogli, ma di roba, lungo, Cons. 188. di pigrizia. 4. In senso intell. [t.] Accusare uno scrittore di negligenza , di scorrettezza ; Accusare l medesima accuso se essere la bello il ritratto di donna brutta. o. Nel semo gramm. Caso difesa, in altre sovente a le cose o le opere altrui. Quasi persone che siano cagione di fatto o non fatto, cattivo o sgradito, [t.] (Lucullo) accusava inverso frate Bernardo per 16. di chiamarci uomini, se, dove pur intendiamo andar il mondo con ordine torli o accuso, Ne mi Mi vien voglia dannose quelle opere della natura delle quali non arriviamo a discernere i (ini ed a Accuso l umanissima di V. cielo, le stelle, la sorte, l davanti ai giudici come Ciel ne altri i non accusato parte del cuore. (Non si nostro malumore o della fa chiaro il suo Denunziasi il troppo mangiare, il mangiar poco. [Cam.] Mach. Op. 8. 23... Il reo proprii non m accusiate qualcuna delle vo lamentar di si ria sorte. =Borghin. Selv. feritili, volg. 4. (C) Si scolpano, e accusanogl impeti d una non ben disciplinata inclinazione, il destino. Salvin. Pros. Rim. 153. Accusar la Fortuna. Sallust. Catil. 80. (Man.) Poiche,.per sua miseria, la forza, il tempo e A ciascun tosto l accuso ed rispondero a due vostre gratissime [t.] Accusare troppo stolta baldanza. 8. colpa di quella, ma un fatto che serva di obbiezione al fare e di scusa del non fare. Maria Salviati (non del primo. Ronc. Lett. 4. serbandosi Nozz. Med. 2i. Per se padrone di Firenze), accusando la sopradetta cagione della complessione mala del signor Lionello... (il marito propostole). Petr. Rim. 1. 29. (C) Accusando il fuggitivo raggio (del giorno), Alle lagrime triste allargai la gran sofferenza e ne stagione, i venti, degli indugi peccati, di frodo Goffredo accusi? 159. Finiro questa lettera con a V. E. la sua Alam. Colt. 1. 744. Forse a torto Neghittoso accusava i malattia, anche segretamente, e non aspre le vendemmie e frali, [t.] Accusare il luogo, il Beniv. Eglog. 76. L error un inconveniente, Imputarne a esso la cagione o in tutto o in della proposta. Filic. Lett. 156. del rendere troppo Accagionare 5. 2. Volete voi... capelli grigi. 7. Accusarsi, Accusare se stesso e giudizialmente, e fuor di giudizio moralmente. Varch. Sen. Benef. volg. 70. (C) Prevenire Cesare, e accusarsi da se a se. Morell. Cron. 243. In presenza di tutti e s accuso... avere tratti (sottratti) de danari delle spese. [t.1 Accusare se stesso di colpa o di fallo dinanzi a Dio o agli uomini o dinanzi a se. = Ar. Sat. 4. 297. (C) Con altre cause piu degne mi scuso Con gli altri amici (a con querela Poesia (si manifesto agli atti). mio peccato accuso. clima , e sim., d nostro accuso E il fallo ch io conosco, e nollo celo. Fior. 5. Frane. 6. (S. Francesco) con grande fretta ritorno Pompeo, che, oltre noi indegni Fatevi a ciascun che egli avea verso di lui. (Val.] Pule. L. Morg. Tr. Cose. volg. 112. (C) 0 imperadore, Io mi t accuso, e chiamo peccatore. [t.] S. Cat. Lett. 135. Salite sopra dotto ma cattivo , s fate che la memoria accusi i mali fatti e i mali detti e i d aver detto male del 3. 293. (Man.) Non m prossimo ad Accusare). Maria Salviati. dimandi giustizia: e allora l Ne bastera l accusarsi di dee sostenere il cuore dove io gli tagliai la con grande fervore. Del giudizio divino, [t.] Sav. Pr. 14. In Ps. Quam bonus... Quel confessore, la sedia della ragione, della sua de 27. dira non la pers. ne la e fra Bonino ; e non diceva loro la verita apertamente. Pilt. Ist. Fior. 108. (C) Riguardandosi in viso, se ne accusavano quasi l uno all altro. Salvin. Pros. Rim. 115. Accusa se stesso di : Io ero fra Dolcino sue opere, i fatti, le al confessore. Segner. Op. 4. 626. (C) Si accusa di aver detto delle parole libere..., e tace il restante. E Crist. Instr. 1. 136. intelletto giudichi la pena che aver giurato indebitamente, ma converra specificare... capitano Guerrieri... e come aveva S accuso nella confessione, tra li altri proprii o d altri. Accusare e libro del cioe ve le accusero ; e di di ridere, quando della propria dabbenaggine. Accusare giudiziali accusa si oppone a dell accusare; Accusativo. G. Accusare scusa, [t.] Prov. Tose. 84. prende senso di Manifestare, Notificare. senza essere accusato, pigrizia il tempo, la colli suoi, Che gli fero accusa (Excusatio non pelila fit accusatio). [Cam.] Adr. Pluf. Op. 613. Quelli che accusa dire quando e dalla il non potere, piuttosto accusano e palesano la la vecchiezza. Vas. Vit. Leb. mente, che malattia e indisposizione di lor Venez. Chi si scusa col presto (dell aver fatto presto) quando l opere non soddisfanno , se non e stato signore di anco Riprovare, Condannare, ladro. [t.J Col Che. Accusavano Bocc. Dee. 3. 180. (C) Essi s accusano, quante volte nel cospetto degl intendenti fanno quella scusa. In senso intell. uomo accusa l uomo, ma puommi di quel ch maraviglia il suo accusare. spiega quest uso strano. 12. Ancor v al soggetto e al vero.) 10. E perche / Accusarsi e una specie di confessione , siccome confessare dicevano , e in certi casi dicesi tuttavia, per affermare e quasi professare la verita della cosa, cosi anco Accusare E 265. Chi S. Ill.ma. [Cam.] Tass. Lett. (C) Egli ACCUSARE. [T.l V. smisurato amor vale Annunziare, prossimo a intende, 27. Red. Lett. Fam. 1. fili par ch a torto tutta a allevare il nuovo artista che non abbia fatto pubblica in giudizio. Liberamente il Chiabr. Gtterr. Gol. 4. 17. l ingegno saranno trascorsi, incolpasi per ismargiasso accusasse. Giamb. Giar. di finor parea. [t.] com.) Borghin. Lett. Benv. 109. collo accusa gli anni. Allegr. Rim. Lelt, 131. (C) (L uscio ma apponendo una colpa pure mille fessure il di gli accusa. (Questo non coni.) |t.] Altra fig. La faccia accusa Accusare la l accusano, dicendo con fig. piu ardita ma non impropria. [t.] Volt. Op. 1. S. I. la ricevuta della negativa, quando domina tuttavia la positiva, affievolita soltanto. 41. t [t.] Archiv. Stor. T. il nemico suo. [t.] L perche vi accusavamo la partita del Tocc. Crist. 12. 1. (Gh.) fatto tre capitani delle due bande, torno a replicarlo per non avere avuto risposta da vostre signorie. [Tav.] Per Tenere e Chiamare se slesso. 14. (C) Escusar le Del Amfiarao si accuso sufficiente in ma il delitto di lui. a vincere 4. 038. Ferrucc. Lett. E origine di causa [t.] (Parla Gerus. 8. 79. casa sua. |t.] Col Di, a una parte del corpo, un mal essere, o altro segno di malattia ; Dire che quella impressione dolorosa si sente, quasi Denunziarla a chi la curi, o di assistenza o sollievo. [t.| L m allegano periscusa la fievolezza e al capitano come sollevatore del giudizio della causa. [Cam.] Adr. se medesimo, per solito: Io accuso.) [t.] Anche coli A. L ammalato mi accusava un mal essere in tutta la persona. 13. t Accusarsi morto, Darsi per morto, per spacciato ; Sentire disperazione, e darne segni, uiov. Fior. Pecor. 75. [Camp.] Marc. Poi. Mil. Denunziare, eh e ingiuria, del via niuna donde si campare ; e stavano molto dolorosi e sconsolati. Ancora piu antiq. : Accusarsi d incantesimo, essendoche avesse sempre, 14. [t.] Accusare una lettera, Dire d averla ricevuta, quasi tenersi in debito di risposta per causa parte. Accusare lo specchio conoscerne il magistero? Accusare il si scusa Dant. Inf. 31. p. 219. Accusando queste lettere vinta. Cic. Uffic. volg. 79. anno... Sassett. Lett.p. 242. Cosi venute in quest Accusa Alessandro la debolezza della natura. lettere, P. Orsi, [t.] Accusarsi pienamente, Dant. Inf. 30. (C) La non ho molto che dirvi. = Car. Lelt. ined. 2. 60. (C) Mi meraviglio che si regolato, volessimo 3. 260. mie, avendovi scritto il 17. 21. 28. e 29... Di grazia, accusatemele tutte, perche ne sto con la febbre addosso. E Lelt. Tornii. 52. 81. Magai. Lett. 212. V accuso a buon conto la vostra volendo un secondo marito, e dire il vero; ma traendone questa prima-lettera serva ad altro che ad accusarle la sua, e a farle semplicemente riverenza. Dentiv. G. Lett. gl indugi altrui del mal accusare esito di una cosa. [Cam.] delli Con la parlic. A e 39. Accusero solamente a V. 2. 185. Accusando un elettricita sua lettera. (Quest ult. meno spedito.) Men com. Car. Lett. giudici volonta si doglia dell occorre per questa di fare altro, che accusarmi della ricevuta e accusera e sentenziera, e (C) L accuso a Flavio Dellinc. Lett. in Menz. Op. 3. Le apparenze lo accusano. La di quella carta de 29 caduto, che V. S. Ill.ma si compiacque trasmettermi. [t.] Accusasi ricevuta non solo accusato donzella 11 crin, che, danari. t [t.] Accusare lettera non ricevuta, ma mandata (che nell uno e nell altro suo linguaggio che nessuno Accusarsi morti, perocche non vedeano suo Creatore e Non accadendo altra risposta (alla vostra), vi accusero la mia dell ultimo del preterito (passato mese). 15. Nel giuoco, Mostrare le carte che formano qualche punto, o Dire il punto che uno ha. [t.] Accusare tre assi. Accusare il punto giusto, Dire la cosa com ella sta. E similm. : Accusare la ronfa giusta. (Non Il raggrinzarsi della pelle da (Man.) sua faccia accusa l indole questa informazione non si accusasse il inganna. 3. fedelmente le grinze e i accusare ora il punto giusto? Alleg. 324. (Man.) cerchi la benevolenzia do caso in pensiero. [t.] Non solo Maini. 6. 30. Queste verzicole vanno mostrate prima che si che seducesse la gioventu. [t.] in tavola; il che si dice accusare la verzicola. [t.] Anche assol. Ha accusato.