Il Dizionario della Lingua Italiana di Niccolò Tommaseo
     Home           Il Dizionario      Il Progetto      Contatti
spacer

Voci del dizionario

 

spacer

 

AMBIGUO

ambiguo-6323
ambiguo-6323

 
spacer

Voci che contengono:

 

spacer
©   F . B O N O M I   2 0 0 6 - T U T T I   I   D I R I T T I   R I S E R V A T I



AMBIGUO. [T.] Agg. Che lascia la mente dubbia fra due o piu idee, km, Ago. [t. J Pub essere ambigua non sono determinati o non intero discorso. L equivoco legale a quel gran la necessita per torre dal poche insieme. = Pass. 345. (C) Dira parole mozze e doppie... e dubbio sema ambiguita. andamenti non (L ambiguita e una delle cause del dubbio, non Tunica. quale la forma e gli Puo esprimersi il dubbio in parole non ambigue punto.) E 316. Con vocaboli ambigui e dubbiosi dimezzando la dividono (la S. Scrittura), [t.] Marat. Dif. Giurispr. 35. Chi le interpreto (le leggi) in una e cbi in un o aual corpo lo mandi. a poco a poco giunto lo studio cade piu propriam. nelle voci, di quistioni e conclusioni, ambigue, perche provvedute si nell affermativa che nella negativa di ragioni e d autorita l ima all fra se medesimo o di Distinguere i detti Cam. Pars. Cong. Bar. Ambigua lezione d un codice, lettera, la fede, gli atti. [t.J interpretazione di cose ambigue, sicuri. [T-3 Ambiguo cimento, vittoria. Ambiguo suono, anco prima d intendere carico dell universale. Guicc. Stor. al senso; se non si sa bene di dove venga altra maniera, con essere cosi [t.] Voci ambigue, tra di Sempre in ambiguo, e sempre indizi. Ambigui rumori di fama. 2. Di cose. [Cors.] Pallav. Star. Conc. 14. 5. 3. ambigui, e sim. In quanto i capi ecclesiastici ha bensi renduta presso molti 6 giorni; 21, cattolico, 5 insieme non ambiguamente ha infamato se stesso. ambigui. Cic. Ambigui oracoli. [t.] 56. (Gh.) Furono da baroni ricevuti con ambigui volti, e Sarno piu volte della vita sua sospetto. [t.] Ambigua, anoi, l intenzione,l animo d uno; inuna scrittura. [t.] Puo un Ambiguo governo, del Fuggire ogni ambiguo. = Casligl. (Man.) Se e ben certa la specie o no, essere ambigua. [t.] |T.| Ambigua pianta, di Stor. 16. 799. (Man.) Ne un cui una parola, Qui cade Pensieri Nello studio Anche coll K. Non e cosa ambigua a me. 5. Di pers. Dav. Scism. 69. (Man.) Regno 37 anni, 9 mesi, levarsi senza il senso, o ambiguo, pii altri scismatico, [t.] Ambigua prole, di chi non si sa bene l origine. Bocc. Filostr. V. S. I. non stia a questo e congiunto lo e avverb. e anche della persona stessa.) [T.] Persona ambigua, nell uso ha senso d inonesta, segnatemi, civile e politica. Ma anco mor. Casa ambigua, dalle persone che ci buzzicano, i. Della pers. che sia col giudizio o con la riso-finzione tra due o piu partiti. Machiav. Op. 3. 1(5. | (Gh.) La signoria era ambigua : dall una parte la costringeva caos ciascuna da se o pericolo l un luogo, e poter soccorrere l altro ; dall altra conoscevano non potere ambigua la fama loro, ma senza riguardo 17. 23. (Man.) Era stato ambiguo... il pontefice del fare impresa, del mutare lo stalo di Siena, essendo varii i consigli di quelli che gli erano appresso. Stor. Eur. 1. 7. Stette ambiguo altra contrarie. [t.] Dichiarare , affrontare... il campo... o di andare a incontrare gli Ungheri. [t.] Ambiguo, tra runa e Valtra opinione, partito. = Guicc. pajono tra due o piu. stette ambiguo. Galil. Dial. mot. 5il. (C) Sarei restato sempre ambiguo, se vero fosse. [t.] una proposizione, Ambigua forma. [t.] perpetuo d infamare l uomo non rie sicuro, o non vi si appiglia sicuro. Virg. Dura curae ambiguae, dum spes incerta futuri. S. Come Sost. Del sentimento. Segr. Fior. Disc. 2. 15. (Man.) In ogni consulta in ambiguo. = Bronz. Gap. di quello che si ha a deliberare, e non istare sempre in ambiguo, ne in su lo incerto della cosa. [t.] S. Cut. Rie. Lett. p. 93. Di questo 217. 31. [Gh.) Tu parlavi e bene venire allo individuo 226. (Man.) scusa e d accusa. Ambigui si starebbe Senza risoluzion , sempre in pendente. [t.] Della cosa. Lasciare in ambiguo. Sost. Di parole, [t.j Puo esserci Gorteg. 2. 177. simili cose ambigue e dubbiose. ambiguo e coperto. (Puo intendersi ambiguo, il motto diventa salsissimo (faceto). Demetr. Segn. 243. Sotto gli ambigui si possono esplicare cose pungenti, senza offesa, copertamente.