Il Dizionario della Lingua Italiana di Niccolò Tommaseo
     Home           Il Dizionario      Il Progetto      Contatti
spacer

Voci del dizionario

 

spacer

 

COVARE

covare
covare

 
spacer

Voci che contengono:

 

spacer
©   F . B O N O M I   2 0 0 6 - T U T T I   I   D I R I T T I   R I S E R V A T I



COVARE. V. n. e Alt. Propriam. Lo Star animo qualche proposito che aspetta per riscaldarle, acciocche nasca il pulcino. Ajf. al tal. aureo Cubare. Sanscr. Cui), Sternere, Sdrajare. Ebr. Cuba, Camera. Tes. Br. 5. limarlo, e dura. 5. loro malizie (delle pernici), ch elle furano l uova l una sta di continuo presso al nate, udendo la boce della diritta madre, si si partono 11. 9. 2. [t.] Fuoco che cova galline si fatti e nelle parole e Sacch. Rim. Che negli assalti Dant. Inf. 27. (C) L 9. 82. 3. (M.) Se d oggi ! = Nelli S. Agost. C. pongono, scusa le madri dal (C) Nido di tradimenti, in Cova nel nido degli altri come il cuculo (di amori illeciti). E ivi. Cova sotto il tetto come le rondini. (Raccomanda gli affetti domestici. [A. Con.] Cubare per Abitare in Orazio.) 2. Per simil. Varch. Suoc. 2.1. (C) Stava sempre a covarla, e farpissi pissi con esso lei. Cecch. Sliav. a. 4. s. 5. (Gh.) Questi dappochi tutto (Gh.) Quantunque, Opico mio, sii moglie a covarla; che vuo tu? che ha tu? che di tu?... Fir. Asin. 84. (>/.) Covando tutto bisogna covarli. E appresso: La sim., suoi danari. Red. Lelt. 1. 106. (C) Se ne stia un ora o due larga 13. Modo prov. stia nulladimeno in letto a poltrire, ed a covare se medesima. 3. (le mulacchie), e covangli fino Op. div. 90. (C) Cavano loro gli per un covar d uova, Sacch. a tanto che le penne sono loro china al basso. 17. Le madri gli vogliono covare (i figliuoli), tenergli in braccio drappi, che si crede esser di i sacchetti di que fig. vale Tenerlo occulto, Soffrirlo l uova de covate. |Cors.] torsolo di dosso. Lib. cur. malatt, (C) Questi malori non 1 Covar il male, e febbre, quando e covata, piu sim. Lam. Dial. p. 485. il fuoco dicesi di Chi parte di dentro. E alt. fuoco per riscaldarsi. Lab. 253. cenere; o ass. Che cova: avessi... col mantel foderato covare il fuoco. [G.M.] Cosi Covare lo novella fara pullulare. 10. Il pavoni alle sotto la (Mt.) Se tu... veduta l anche trasl., di pericolo latente, ma minaccioso. 7. Covar la cenere. V. Cenere, 5. 8. N. ass., per Dominare, Sovrastare. G. V. 12. 32. 2. (C) E (Fronzuole) de sta ferma. Cr. da quella rocche di Toscana, e cova Allignare, e sim. Sannaz. Arcad. di sopra poco piu d un miglio. Frane. nido, ordisce cattiva; fig. nelle agevolezze insidia.) cova. E JV. pass. l uova. E ass. Cr. aquila da Polenta la si cova. covano i germi che la questo dice, perche la signoreggia. 9. E ass., per Mare acquattato, e dicesi fig. della peste, del fuoco, degli umori del corpo, quando, essendo slati nascosti alcun tempo, si appalesano. Varch. Stor. 7. (C) Dopo la quale la pestilenza, che prima avea piu tempo covato, e pareva che s andasse spegnendo, crebbe. E 12. 473. S appicco in Firenze (la peste), e ando covando, morendone sempre qualcuno, [t.] Malattia che lungo tempo covo; e poi da fuori. [t.] Altro fig. Nella terra But. La si cova; e stagione scaldino, il veggio. della concupiscenza che covano nel chiuso nell degli uccelli in sull uova tempo e luogo. Colui cova, Sen. Provid. 423. (M.) pensoso. E alt. [A. Con.} Quel tale cova un tristo pensiero. 11. [G.M.] Covare odio, rancore, o sim. Nutrirlo celalumente nell animo. Segner. Crist. Instr. 1. 26. 7. Concepisce avversioni, cova amarezze. [G.M.] Segner. Crist. Instr. L incendio foggia di fogna, se si di dentro. 12. Si dice anche per Essere o Stare, 19. Accozzandogli (i sassi) in sim. Car. Eneid. lib. 2. 85. (M.) Certo o vi cova, o vi si e cova. 16. Detto di legno). fi.] Prov. Tose. 78. signif. Cr. 0. 20. 1. 15. Tose. 365. inganno (parlasi del cavallo d dieci,...; ma nel fondo dormire, Galla ci cova (qui sotto c e inganno o mule). Ne D. 19. 12. Acconcia il nelle appagane. Patajf. 4. (C) Adagio pur, che cova la mucina.Ambr. Cof, 4. disutile e infermo. Soder. Coltiv. di compirlo. 23. Un Prov. Tose. 75. Sotto consiglio non richiesto gatta ci cova. 14. castelli e die l ha imminente, o sim. Esp. P. N. 20. (M.) A tale cova la morte sotto i suoi sott ombra,... 4. forte e sia punto acquidrinoso il terreno. per Istarsi piegalo giu quasi coccoloni. Pule. Luig. Morg. 27. 32. (Gh.) Per la qual cosa Vegliantin giu cova e riscalda la fortuna una Fabbrica e sim. quando non ha altezza proporzionata alla sua larghezza. Bart. Vit. S. Ignaz. (M.) La spelonca e lunga trentadue palmi, a dormire; e, non potendo cova assai piu, e rimesse. lo vedo stare taciturno e Per Non cavar le mani da un lavoro, Non cessare dal farvi intorno alcuna cosa, Non ristarsi dal 31. (C) Dicono molti di Covare (Gh.) Quando si puo fare un libro buono presto, non si Si dice anche dell a covare per molti anni. 18. sa vedere perche si abbia acqua stagnante che non ha esito, e piu forti Per Pender sopra, Sovrastare, Esser sito della terra non sia si piano, in te si covano, Deh ne si repente, che tutta se n esca. |t.| Dav. Colt. 152. Se ella (l acqua) non ha esito, o acquitrino o vena vi cova, il campo e 2. Non posso credere che parlandosi d inganno, frode, o 6. (G) [A.Con.] Tenere cognosca che l acqua vi buon prezzo covare. [t.] Prov. Covare giu, = Pallad. 1. 5. (M.) E I campo aperto, e ritratto da umore delle piove, che non vi covino. [Cont.] G. G. Fort. xi. 210. L acque sopra parte alcuna del terrapieno non covino, ma abbiano i loro scoli verso la all altra; e quando sono nel medesimo Sotto il covi, o sano. (Man.) Non si deon piantare (le zucche) in fosse, acciocche le piove non si raunino Ironie, si dice II germoglio. 19. e covinle, e [t.] Covarsi i dolori tal cosa e costi o e li che cova, e s intende che Non vi e. Fag. Comm. 3. 376. il tale o La di altrimenti Lisetta, ma Lucinda figliuola di Don Luigi di Marsiglia. Ans. Don Luigi di Marsiglia e costi che cova. [M.F.] Fag. Comm. Ma dov e la coscienza? Oh l e costi che cova a tempi e andato lui. 20. J. A. Comed. 1.362. (Gh.) Is. Avvisa Leandro che ritorni. Ser. Oh egli e costi che cova: se n senza fare alcuna cosa per N. pass., e fig.,per Racchiudersi, Apprestarsi. Peti: son. 105. ci cova la frode. (Merce cui si cova Quanto mal per lo mondo oggi si spande. 21. Per Annidarsi, e soprasta a Poppi al egl. 6. p. 61. il di stanno attorno alla vecchio e carico Di senno e di pensier che che l acqua vi covi; piangi or meco, e prendi il mio ramarico. 22. ammortino (Gh.) Lei. Questa non e parto ; Non aver forza gatta non ci covi, [t.] covare, in forza di Sost., vale Una covala: Onde Esserci occhi Per Riscaldare semplicemente. Frane. modo basso, vale Esserci per assai. Serd. Prov. (Mi.)