Il Dizionario della Lingua Italiana di Niccolò Tommaseo
     Home           Il Dizionario      Il Progetto      Contatti
spacer

Voci del dizionario

 

spacer

 

CAPO

capo
capo
capo

 
spacer

Voci che contengono:

 

spacer
©   F . B O N O M I   2 0 0 6 - T U T T I   I   D I R I T T I   R I S E R V A T I



CAPO. S. m. Aff. al lat. Caput. (M. pi. Capi, e ani. f. Capita.) Lo stesso che Testa, la quale e la parte che racchiude il cervello, la sede degli organi principali de sensi, e del ponte. Ma non diremo piu degli animali si Disc. 1. 3. Venendo ora del collo. (Fanf.) camminano, qualora essi a parte al corpo, e dalla preminenza sugli altri membri, i frasi, che poi vedremo. Din. Comp. 3. 57. (C) Dissesi che... la corona gli cadde di capo. Bocc. Nov. 15. 36. Tento piu volte e a fare che pergamo il un battere il il coperchio. E Nov. 50. 17. L uno degli asini..., tratto il capo del capestro, era uscito della stalla. E Nov. 76. 6. Calandrino, essendogli uscito il vino del capo, si levo la mattina. Tes. — Beni. Ori. 39. 39. un luogo. Filiti, per A per imprendere, l altra nel noi spiegato nel di precorso, drieto per memoria. J)ant. Inf. 7. Questi fur cherci, che non han palma) poco maggiori d una che tu non certo, ed ancor par ch [t.] Giorn. Areh. Si. 1858. abbia il capo fitto, cioe Andavan gli altri della trista greggia ; E T capo tronco tenea vaso di terra, o sim., man a guisa di lanterna. Petr. cap. 9. Giudit la vedovella ardita, Che fe 1 folle amador suolo, Non fu lasciato vivo 113. (Gh.) Le capita dell doversi dire col capo chino, loro capita e petti e cervello. Varch. Slor. 3. 237. E [t.] Mettersi in terra... mettendo cenere sulle loro capita. = Lasc. Gelos. a. 5. s. 10. in Teat. com. fior. 3. 113. (Gh.) S io avessi un altro 11. 42. 3. Si ridussero per le mura questo, che si vedrebbon le cervella. [t.] Prov. Tose. 51. Capo grosso , cervello magro. [t.J Prov. Tose. 155. Dal capo dovessero cosi lietamente alla bella prima. [G.M.] Farci Pass. 252. (Mt.) Quel eh e sopra, ma piu accosto: Non ha tanti di parte. 19. Capo 73. 19. (C) Senza lasciarle in capo capello, o osso addosso che macero non fosse. De capelli stessi. Sen. Pist. (Mt.) Avra piu bella e piu crespa capellatura, e piu biondo capo. [t.) Cercare in capo, per pulirlo da cosa schifa 23. (M.) Tocco alla legion capo. Dice cosa sovrapposta, sebbeneanco di questa usi l imperat. 1. 23. 6. Una citta cappello). = Lasc. Gelos. 3. 8. (M.) Di che metta in capo: non odi tu com e parla? egli e infreddato troppo, [t.] Senza nulla in capo. — auel giuoco incresce. Cor. Leti, partito. Lett. Viagg. 1. 71. Escono la [Camp.] Martelli, chiamato dal poco loro case con un fascio in capo di... cannucce sottili,... Comm. Non sapete dove vi mettono nel mare.—Di cosa pesante, piu sovente Sul. 3. [t.] Da capo; che riguarda la parte del capo. — Bottone da capo, consigli de saggi per detto padrone terra signi f., de quali capo ad alcuno ; Importunarlo, Della stessa pers. Capo bizzarro. — Capo ameno. — Un buon capo! |M.F.] Capo sventato fare questa pugna, sicche a Fior. Capi sventati e volanti. [M.F.] Capo scarico, Uomo bizzarro, bislacco. Capo ameno, dicesi non possa entrarvi ne uscire (Man.) [M.F.] Capo armonico vale nell 85. Ne voglio che voi di allegria, stravagante. Guad. anni in circa, non e le donne a briglia uscir di mano : curioso, Che ha del gajo e del singolare. G.M.] E assol. Che capo ! — Oh che capi! Val.] Capo quadro. Per ironia. Uomo senza manifesto eh abbiano scoperti. mattina que pescatori p. 57. Corbo, per l avea, Capo quadro. t Capo lieve, o sim., vale Uomo di [Val.] Morg. Pule. 24. E 3. 4. 25. (Man.) Quello ch hai provato essere buono, questo E se ne picca fa che t e chi mai dica nulla. che tu lodi ; che poi, me avete il maggior comando il capo col domandarvi ; di lieve capo. Con alcuna giunta di dispregio, come Purg. 8. Uso e natura a e sim. Modo d ingiuriare altrui. [Val.] rag. ; e coda quella che e pazzo, oh quanto male intende Taluno, difficile, ed iia tanti capi vien detto, quello loda in manifesto, e e se ne offende. = Gozz. Serm. (Mi.) Vedrai tosto un lampo Dell Ar. Vald. 2. 276. Questa udrai ritorno. [Val.] Fatti di Enea, tempesta Di capo d oca, di bahbionc e tronco. S. Per Abitatore di alcuna terra, [t.] Ar. Fur. 11. 53. Le mura fur tutto adeguate al del quel tempo nell isola di capo solo. 0. Per ogni capo d uomo, o Per ciascun capo d uomo, o Per capo al fosso, ritrovar vuol dir uomo, Per spillctto, dicesi propriamente alla Capocchia testa. Virilim. G. V. 2. 10. 1. (C) E toglieva censi per ogni capo d uomo. [Val.] T. Liv. Dee. troppa liberta, o per soverchia capo d uomo un sestante. [M.F.] Opusc. Cicer. 40. nel mio capo, io manifesti, i campi... per capo d uomo risentirsene la vostra salute. 202. medesime arine, non lesta). 7. Fig. Scorta , Regolatore. Cron. Morell. (C) Dove i figliuoli prendono ammaestramento, e inviamenlo, e stato, da questo capo ha principio padre, noi rimanemmo vecchio ! — Guarda Trarsi di capo vale Scoprirsi 4. (Mt.) Anzi e gran crepacuore di vedersi in capo per maggiore quelli, che dee essere pari 0 minore. matto. 218. Ritrovare 3. 72. Ne piu 36. di checchessia, Guidatore, ma d impresa non retta, Caporione. 9. Tumore venuto a metter nel tanto sono ignoranti, E questo capo voler essere uomo clic non alla medesima coda [della cometa), industrioso. 10. E detto di Femmina. Car. En. 1. si dice quella paTte dove modo, ne via, ne verso guerra Gente feroce. Or n e capo e regina Dido. 11. [Val.] Capo di schiera. Fig. e dello erto come cerbio in landa, piu pregiata, onorala, desiderata. Ar. Sat. 5. Non la vo tal (la moglie) che di bellezze avanze L altre, e sia in ogni invito, e sempre Brace. Binai. Dial. p. 239. vi volevan danze. 12. E riferito ad Opera, vale La piu splendida, La piu bella, La piu insigne. [Val. | Salvin. Etitifr. ricorderati anche del Mosca, Che belle opere degli Iddii, qual sara la principale ed il capo, per cosi dire, di questo suo lavoro? 15. Per di dragone (o Pht. i 9. I papaveri, pupillo, fusti prima da uomini grandi nudrito e governato , poi da primi capi della citta scelto per genero. [t.] tiemb. Slor. 1. 122. Ne lecito essere lo ceneri, e passo a Cora, concessione de signori Capi. 11, Girare il capo si trova potuto o volonta propria busto senza capo andar, siccome Ilcastello e pili ricco assai che forte, Ove dimora d Etiopia il capo, [t.] Capo dello Stato. 15. Capo si usa talora al sing., quando parrebbe che il discorso domandasse il solo, un capo sol di (C) Veramente gli uomini sono delle femmine capo. Liv. M. (M.) I tribuni ciarlatori, riottosi, capo di disordine. Vit. S. stare. 85. [M.F.] Capivuoti si suoi discepoli, i quali aveva posto per capo degli altri monaci. [Val.] Pecoron. 13. 1. I Cerchi erano capo delle sono venute in capo a (non avere ricovero). 200. di quella setta. Ant. Pucc. Cenili. 10. fare dei beni del Re. fur gli de Regni numerare. [Camp.] fanno ragioni o politiche o capo masso, vie... in quella citta, soffiando Venir vedra mi... 71. io era il capo degli sciagurati. 17. Capo di easa. di famiglia. Il principale della casa, della famiglia. [Tom.) Uno puo issere capo di casa senz essere padre di famiglia. — E cupo di casa anco una donna. Fir. As. 271. (C) Consumale e sovente leggero o falso e costumano in quel di Drappo, dicesi Drappo a 323. (Man.) casa. [G.M.| Segner. Crist. Instr. 1.1. Parlo singolarmente coi capi capi che cadono intorno a la moglie a quella Messii in cui il sacerdote suole prodano, od altro, secondo gli vanno all altra ove non avveggia in prima chi e Tutto al contrario. Se veruno voglia, Esserne occupalo. Lasc. Slreg. l ha da sentire il Ma urtala di qua, Riurtata l ignoranza delle cose divine e piu dannosa. [G.M.] Essere il capo di casa. — Fare il capo di casa, da a provar con ogni cosa, I capi di casa, I capi di famiglia. [M.F.] Far/. Comm. Quel verbo chieggio, overo prego, e Gozz^Nov. 2. 40. Il capo di (amiglia avra un piccolo impaccio. 18. [Val.] Capo di parte. Colui che forma, o che regola, o che comanda, ecc. , una fazione per forza di spuntare il capo Cellin. Vit. 1. 252. Voi mi fate le baje, come se io fussi un capo Cristiani, raddoppiarono Je fono. Varch. di popolo. [Cors.] Car. fielt. Arisi. 2. 20. L apologo e Cttr. Lett. Fani. 2. 234. capo. 93. Avere il di popolo ed usurpator del comune. 20. [t.] Capo di guardia. 21. [T.J il capo vanissimo di Democrito, in ciascun mestiere e preposto alla societa da suoi confratelli artigiani. [Cont.] Spet. nat. 242. Tor del capo il quale intraprende l esecuzione Bern. Ori. 1. 8. 25. Colui che presiede agli che per ne coda. 201. odio che il mal in net e . 1 mal cammin Nov. 1. 158. L altro giorno un capo di magazzino... andava alla volta ili casa sua. 23. [t.] Capo maestro. Giorn. Ardi. Si. 52. Conio di Mich. a mille teste Sceme, che Genere, Generalita, Somma di cose. L. 50. e penna l uomo che Li capi maestri con diligenza procurano che la pietra (buona da far l allume), Melonim. Essere vescovo o cardinale. benissimo scelta. Pani. Arm.nav. 20. Architetto di questo legno fu Archia ogniparle. [Val.] Scelt. Lett. Divers. dramm. Non maraviglia, Cb disgrossare ed appianare i legni che 42. Parlandosi di Scala e capomaestri; gli altri, come servi, e manuali, lavoravano. = V. anche Capomastro. li. [Mor.] Capo falce. Chi nel segare ma poiche tu e Madonna degli altri mietitori.^ [t.J La falce sta per chi Vadopra, si scoprire il capo ; Biring. Pirot. il. G. la traila. [Mor.] Capo frullana. Contadino o Oprante che nel segare le paglie con la frullana dopo la mietitura non fatta a terra, va alla testa degli altri. 2». (Mil.) Capo per Comandante supremo , Condottiere. Stor. Eur. 5. 105. (Man.) Il che veggeiulo i Capi (Gh.) Le folli chicchessia. 2S7. Venire ad alcuno pose a sedere , 10. Il capo era piuttosto capo di assassini che di soldati. Nel medesimo signif. dicesi anche Capo dell armi. Bentiv. (cit. dal Grassi). (Gh.) Io capo dell armi, e voi che appresso Rompimento o Non ci poter vi , qual gloria di tutti questi successi non godremo? Ed capo, e battere il capo a me, ma non ci a consiglio il capo, Non sapere a capo. Lab. 199. guerra. 26. [t.] Capo il un impresa; anco il semplice Guidatore d una spedizione di capriccio. Gli e saltato in buca, d onde nasce l il. Furono la testa. Fig. Pigliare un con molti ritta su 1 letto. Mogi. sig. Vitello Vitelli, con dugento cavalli, capo di quest impresa.27. 82. di polli, d uccelli. 34. vale la Parie apposta alla coda. Tac. Dav. 1. se c e. difenda. S. Agost. C. D. lato, alla diciannovesima il sinistro, alla prima e alla ventesima capo e coda. [Cont.] Capo di fila. cuore mai. Anche coll infin. si puo fare in due modi, sia che 1 capo di fila piglia la testa, o il fronte, o sopra il capo. 195. vento, e il mare il come II capotavola. 28. t (Mil. opportuno, Non alzare il capo. piedi, e Dal capo a in dieci contubernii, sicche ogni dieci fanti avessero un capo, chiamalo il Capo-contubernio. 29. (Mil. ant.) [Val.] portiebi, la loro uomini che romane era la forma di Capitoli. (Tom.) Quando pero diciamo capo ad uno, dicesi di acqua, e se sono piu quale cosa i cavalieri l appellano capo di porco. 30. (Mil. ant.) [Val.] Capo d una legione si disse anco La prima compagnia d una Bocc. Nov. 43. 2. sul capo tutto giorno, Quella 31. Capo, per Vita, usandosi alla maniera de Latini. [Tom.) Cic. Me qui caput alterius defendam. — In judicium caput Cornelii, factum Pompeji vocatur. — Ar. Fur. 5. 71. (C) E gli feci veder quanto importassi Al capo non posso Del filo a fussi. [Val.] Varch. Stor. 1. 305. Auto colla tromba bando del capo. (C) I frati... vennono a E se tu trovi manifestamente Che con Tiresia abbia trattato la ragione, perche il signor capo, non pur Per Governatore. Varch. Star. fondo. 218. [Val.] Rimanere in darmi morte. 32. E detto degli animali, [t.] Prov. Tose. 62. E meglio esser capo di lucertola , che coda Signore, Magistrato. Boez. Varch. capo ridurre a capi conforme all o capo di luccio, che coda di storione). 53. Talora volendo dire, a cagion d esempio, Mille heslie, si dice Mille capi di bestie, e vale lo slesso. Tanti capi di bestiame ; sempre robusti agricoltori intorno Per atterrarlo, capo dove il nonno ha non dava loro del matto levaron preda di mille capi di heslie. Instr. Cane. 71. (M.) Faccino la de suoi malcauti seguaci. Allegr. per il fig., Restar perdente tirarlo. 311. (Mar.) [Cont.] mezza libbra per capo di bestia. [Val.] Buri. Simb. 282. sciogliere i capi. (Qui fig.) un vii capo di bestia le vite degli uomini. [G.M.] abbiate Di grazia il capo Il milizie, Detto delle Comete, per rispetto un busto;pcr simil. Non convenire 11. [Man.) Queste prime osservazioni... mi accesero in piu ricco assai che forte, di polerne fare delle piu accurate , si intorno dormisse al fuoco, ma vigilante, e si ancora molto piu intorno al capo, quale io sperava di poter sim., esprime la Pezza intera, E 104. Il suo capo 5. Che maledetta sia l coda piccola e molto aguzza, intendere o da fare. 209. SS. Per Estremita della lunghezza o estensione di qualsivoglia cosa. Bocc. Nov. 89. 10. (C) Un buon uomo, il quale a capo del ponte si sedea. G. V. onesto? 67. anima son senza capo : Tebaldo, ch era in capo della terra, molto forte di sopraMelali. Agr. 408. Queste batterei tu o la sera a capo del maesta offesa in primo capo. 5. 45. Quelli ch erano dall altro capo del campo per la noja si svegliarono. [t.J Ar. Fur. 33. 94. Dall uno all altro capo della terra Gia venni... [G.M.] Segner. Crist. Instr. Metta in capo (sottinteso il di schiera per 519. ediz. Crusc. Perdonatemi, s camminarla da un capo all altro. = Segn. Stor. 4. 103. (C) ad uno. Ucciderlo. Fag Comm. grandissimo in capo all orto de Pitti. Car. Long. Sof. 22. (M.) Giunta a capo loro eserciti, e capo dove a Dorcone. [Cont.] Lana, si vuota il capo anco (Man.) Cominciar di nuovo. V. Fare. cui e annesso il cilindro, sia attaccato al capo di i. Battere il capo nel leggiera, che appoggiata in E mente e la volonta, ma mondo , che per se coll altro capo B i gradi. [Cont.] Florio, Metall. Agr. 280. Con le anella che la detta aia ha al capo pigliandola, tal ora in giu e in su la va menando e rimenando. Lupic. Ardi, mil. 24. Si fara nella gola del baluardo un muro, ;be sia grosso tre era in capo, quando Iddio cielo con tale risposta venite riterra il terrapieno del baluardo, chi l ha fatto, No che sara fra il baluardo, e il cavaliere. [Coni.] In capo o Da capo. SulF estremi la. Biring. Phot. vi. 5. Si mettono (gli orecchioni) in capo alli due quinti [M.F.] Non esserci ne capo longa tutta l artiglieria cominciando la misura da pie e e fecer capo agli anziani hioco dove vengano li dopo avere vendute certe sue faceano Bari. D. Tens. Press.xlvii. Abbiasi fatto ogni cosa s vale Persuadere in contrario. Bocc. palla in capo, come nella decimaquarta figura. Stai. Fabbri, 51. In qualunque suo ardimento, fiaccossi lo capo taglio in tutto e rannata di gente a d una Trave vale pure Estremita. [Val.] Vegez. 166. Una trave alta in terra parte opposta (C) Si mise capo di sopra un altra trave piu lunga... (Tom.) Capo e Testa che nell uomo e nel Sedere in testa del ponte, sibbene Al capo cioe Nessun ordine. Ne principio Non diremo Guadagnare combattendo il capo del ponte, ma si la testa. si potra dir con tal Nov. 76. 13. (C) Cominciatosi dall uno de capi, comincio a dare a ciascuno la sua. 57. [t.] Capo di fune, e sim., raccomandato a un anello, a un tronco, a una riva. — Capo o Cavo l Estremita e sim., si dice del [Cont.] Pant. Arni. nav. voc. Levar volta a i capi il capo a tal gomitolo. Bellin. Disc. 1. 190. (M.) Basterebbe lasciar andare il capo del canapo raccomandato all argano. io vo pensare un non Buonarr. Ajon. 2. 36. Sciolto un gomitolino, un capo a quella Ne cala giuso, e un per se ne prende. — Com. Dant. (Mt.) Nell entrare della prigione legasse il capo dello spago. 38. E firj. mente leggiera, incostante. Cat. Cost. suo parere, cioe Essere amico ambedue, se presa io questa tela che si tesse. 39. (Chini.) [Sei.] Ambedue le Estremita delle canne, cannuccie, cilindretti da mescere, di vetro, di porcellana o A me non entrera egli nei laboratorii per diverse operazioni. [Cont.] Lana, Prodr. inv. 73. Questa canna aperta da tutti due i capi, deve essere talmente unita al collo, che d uomo allegro e sollazzevole. aria. Da capo Barga. [Cors.] Fir. Ar. Far. 38. 76. Questi in ciascun ; dice pensiero non V. 11. 78. una cosa e quando per di corpo elevato. Ar. Fur. 13. 19. (il/.) Ne intorno albergo appare, Ma solo il monte, al qual mai sempre capo a una cosa vale Non sapere quel che un piede. Tass. Ger. 14. 70. Senza neve alcuna Gli lascia il capo verdeggiante e vago. La tenga in capo e a una cosa vale Darvisi ove gli aveva sollevati Capo fianco Scorgea... Car. Eneid. lib. 2. (M.) Al suo gran tronco Stanno i di quadrupede, Non dovevi farlo Per dan colpi a gara, Da Rompere o Torre altrui il a poco a poco Crollando, e balenando il capo inchina. erano, come si direbbe, proti, vale la Parte superiore della 252. Chi contra Dio getta Morire. (Mt.) 210. [Val.] 63. Non si che... xii. e comincio a cucire. Lasc. in capo. (Di chi pretende E messo nell uscio di quella (camera) un chiavistellino, si fece in capo di scala. Per non avere scala, il capo. 43. archi, le questa eccelsa citta... che d queste cittadi le loggie, gli [Cont.] Capo della via. Luogo dove incomincia. Barbaro, Arch. Vitr. 54. Prudentemente saranno esclusi i venti da i capi delle Io non fu filo, a 100. Fare di uomini si ammalano, soffiando tramontana si risanano, (M.) 183. Far capo in forza del freddo fermarsi nelle piazze, o ne i capi delle strade. 44. (Metallurg.) [Cont.] Capo della vena. Luogo A capo chino. [Cors.] Sen. suolo. Florio, Melali. Agr. 56. La vena profonda ha principio e fine capo e coda; principio 548. (M.) Il paese e ella e nata; fine dove ella finisce. Capo quella parte che ella mostra di fuori Rim. 3. Sii. Oh quanto nasconde nella terra. 45. del capitale. Da stimare per Vena. Cr. 1. 8. 8. (C) Caverai il pozzo, e cercherai il capo dell il cuneo. Vegez. di (Mar.) [Cont.] Dar uno. [Cont.] Fon. Oh. Fabbr. 1. 43. Il capo dell acqua sorgeva da una fonte d un sasso vivo pel capo. Dare ad intendere, a capo dell impresa, due miglia odio, cosa capo ha. Detto passalo in ed Barn. Viaggi Leone i. 55. E. Quivi e un capo d acqua grossissimo, che esce con tanta furia, che io ho veduto gettar nella d questo signif. dicesi anche Far peso di cantara dato sul capo. [G.M.] Si [Val.] Di veniva mandata a dietro dalla velocita dell acqua : e e ogni buon costume dal Subu, che e il maggior fiume di .Mauritania. 4G. E parlandosi i. 7. Traglie doppie, investite il capezzale, e 1 campo. 253. giace. Bocc. Nov. 15. 18. (C) E trassesi i panni 2U. [Val.] Porsi in rapo del letto gli si pose, [t.] In capo del letto, Da capo del letto. —¦ Da capo sta una persona ritta, una cosa sospesa, o che posi sul 169. Girare per piuttosto il e grande. E capo, io cavicchie da l una de molesta, grave, e da Idra. largo, e da l altra era sopra capo a una di schianze maculali. [G.M.] Fig. perche strettamente serri le La capo a dar retta Capo di spillo, o spilla, o ogni uomo, A tarilo per dello spillo. Fio. Capo di spillo. Anche per Cosa da poco. [Val.] Fortig. fiicciard. 11. 59. Un ago pi. Bocc. Decam. L aveva piu in prendesse ella inai, non v era esempio. [Val.") Maini. 12. 6. Ma quegli che obbligarsi non intende, Non vuol pur il capo. Prov. Sol chi libbre, e la pietra fibbia o altro simile. Vit. SS. PP. 3. 213. Le dotte a servare l anello d oro, e il un capo come un cestone, quale si cingeva. 61. Capo, parlandosi di Panni[, Vesti o vedere la sera dopo, che... Tutta la vesta, fa un capo piccoletto in Estremita dellastoffa. Spet. nat. xi. 222. Il capo della pezza sono alcune trovera alcuna. [Val.] T. Liv. si Lamberti disse la mala parola del resto. Vi si Fag. Rim. 3. 11. Cavate e della citta, dov e la manifattura. E a conlesa. 154. [Val.] l ultima volta ; e dopo averne buono. [Cors.] S. Greg. Dial. La e riguardano Es. 27. Venti colonne con gli ultimi piombi. 62. E parlandosi paese alla Galil. Op. 6. un capo o a due capi, cioe a uno o piu fila. Lasc. Rim. 2. volonta, genio, attitudine, comodo, ecc. si puo e fara argine (t.[ Di giudizio precipitato, e Vendere a minor prezzo che 63. Capo, per Capitolo, Parte di discorso. Salv. Avveri. 1. 3. 4. 12. (C) Ma dietro all uso della cupola, quella e nostra credenza, che nel secondo capo di questo alle gambe e dando al dicemmo della ventitreesima particella. Salvin. Disc. 1. 14. (Mt.) San Matteo al capo 27... E Pros. Tose. 1. 317. Il capo quindici delle [Val.] Chi Ricorrendo arditamente al muro, gittossi son distribuite, molle volte a sproposito, le orazioni di Cicerone, si chiamano Capi non Capitoli. In capi, non in capitoli, distribuisce le sue prediche il Segneri. Ma negli scritti moderni, tanto si dice Capi, quanto V rovescio che prendeva un Dividere il tema in certi capi, non intendiamo allora della divisione materiale de capitoli, ma prendiamo la voce in senso trasl. [T.] // Titolo che comprende sotto se un ordine d idee o di cose o di nomi. Registrare la materia delle letture, le locuzioni, le leggi, sotto certi capi. [ Cont. ] Tard. Macch. quart. 46. Tre capi dunque principali s hanno a fare in questa materia, il primo della gente come raccolta e capitanata; il secondo come collocata al sito. Lana, Prodr. inv. Pr. Manca adunque Essere un capo esatta e ben ordinata di [x.] Prov. Tose. 152. Tanti siano certe e provate, tanto naturali quanto artificiali, o miste ; e queste si devono steso. Col capo disteso leone, ordine delle materie, le quali di qualsiasi imbarcazione. 304. Punto di quistione. Salv. Dial. Amie. eziandio Infastidirsi, Inquietarsi, ed suo Per Cervello, Mente. Bocc. questo capo son portate dattorno. (M.) 201. A capo basso, l vostro piato Ben. Varch. 1.1. Toglie l difficili. prov. ordinariamente per accennare, che mezzo al terzo capo, per lo quale il letterato nella stizza, e mostra segni domanda fare risposta... 65. [t.j Aff. a Ragione o Titolo. Segner. (Pred. 7.) in questo senso: Tara. Bis. Inond. Ani. 33. che la ragione abbia dell importante, e per cosi dire Trattandosi d Acqua G. (cit. dal Grassi). (Gh.) [t.1 Fig. Punto importante d un oggetto o soggetto. Vas. mai il capo. Varch. Suoc. arte tanto a cui capo di bue che... (Cosi non com.) [Cors.] due naviglio e cattive genti o si toglie capo di casa. [G.M.] Plur. ma con quei ili famiglia, i quali mandano ciascun soggetto. Segner. Mann. Lugl. 12. 1. (M.) Ma perche usar questa forinola? Per tre capi... £ 29. 1. Questo precetto da mezzo per conoscere, la terza vien detto primo...; e cio per piu in capo e mezzolana (si della fatica ; capo dell utile e dell 9. 103. 1. Racquistaro 16,". Far il capo, o provisione Boez. Varch. 3. 10. (C) Se tutti questi beni... sono come alcuni Con uno che giuochi, attenda si riducono tutti baje..., che a studiare e En. i. 552. (M.) A con esso cercar il capo novella e lungo intrico, Ma toccandone i capi, avea costei Sicheo per suo consorte... 68. Per Massima, Principio. Guicc. poiche n e ita, come aver miglior parte, che tener conto dell onore...: pero tenete fermo questo capo, e sara quasi impossibile che tutto non vi succeda bene.69. massimamente le opinioni, che sopra Non. pensi esser tenuto di vestiario, o biancheria, o Cominciare. (C) capo ne lettera, ne costume alcuno. E nov. 7i. 4. Gli entro nel capo non dover poter essere che essi desiderio e suo e vostro. lor poverta. Cron. Mordi. Al Signor di Padoa entro nel capo questo fatto. M. V. 11. 78. Comincio a metter bubbola ! Ti pigliera da e che patisca una miserabilissima Pin. Ross. uso Capo ameno, Siracusani... facevano li suoi fatti nel loro capo, ne Dione volevano ascoltare. {Ora di loro o Abbandonare il pensiero di 8. 7. (Man.) Ma grazie al da capo, il qtial muro almeno a digradare ornai gli atomi da quel posto, Atlante il capo e il d arte. Quello che e distribuzione del sale da levarsi lett. Bone. 22. di altro, che si usano nel capo mai, questa scienza una notizia di ad esser tenuto per esposto le due estremita, che 4. 45. Non sono cosi per qualunque capo essi proprio capo diftinire questa questione. [G.M.] Quindi Persona senza capo [senza torno a Verona. Seti. ben. 2. Per le cose dell Fig. Per salvo E Da capo a nel incapaci! 70. [Camp.] Per Memorativa. Dani. Pur. I. Semi ti presti Tanto che l ombra del beato regno Segnata Contro la volonta del senato uscito fuor un luogo vale anche Presenlarvisi, e facolta della mente, [t.] Vas. IV. 1. Sebbene ando un pezzo Giuliano alla scuola di grammatica, non vi ebbe mai il capo, e per conseguenza non vi fece Magai. Leti. Fireni. Nov. negozio. se n ando a Fior. Cliz. 1. 3. (Mt.) Veramente io non aveva il capo canto m ha IZi.Fig. [Val.] va alla testa volete, io voglio ancora io. 73. [Cors.] Per Capriccio. Car. E gran crepacuore il vedersi giudicare secondo il senno migliore non e concesso ai giudici per sentenziare secondo il capo Morelt. (C) Se non tossono leggi. 74. [Val.] Cagione. T. Liv. Dee. 6. 29. Poi tornare a Preneste, che era il capo della guerra. E 7. 29. Assaliro la alla punta, lunga contentezza dal soddisfare a pieno. Mach. Leti. chi patisce capogiro; far danaro. Una povera madre, dare maesta dico d cosa per ben rammentarla, Persuadersene tot. [M.F.] zuffa mettere il capo in grembo che aveva il Uso. Capo era un insegna bianca e rossa, ordinarono. 76. E per Andare a uno pel capo fecesi padrona, E de di subitamente e di (desidera) sono inutili. 159. Fare da capo, o 2. segnatam. di gregge e gli vermi capo. 77. [Val.] Grado. Bart. Simb. 137. Rei trafitto, e si usa fig. Dee. 78. Capo, Non averne 47. (Man.) Onde principale, Citta che disse... [t.] Rifarsi da capo. Veijez. 46. Questa prima, In Roma, la quale, come oggi e coda, cosi fu gia capo del mondo, fu un giovane... Gas. Oraz. Leg. 29. (Man.) Ne convenevol cosa e, che catene, il pio de la Italia Qperett. 51. (Gh.) Sono i sostegno, con l infermita altrui, e non con la sua sanita si [t.] Sul quinta il destro 16. 17. In Asia avanzava F.J Avere a noja, o il cui capo era Babilonia. quali tostamente dando luogo al che l uomo domandera delle gran cittadi, che de ordinarono ucciderlo il di menasse bellezze, e non se ne prime dita della stoffa, che Dee. 1. 55. Significo manifestamente, che quivi dovea essere il elle e riverite, i cui consigli 1. 7. [Cont.] gatto, che coda di sul gli origine libera, rade volte occorre, che le faccino progressi grandi, e possinsi tra i capi Uberti. 16. E per M. Poi. Questa da sostenere o un partito se citta e castella, perche ella e capo della provincia. E Guid. G. il. teme, o di chi vostro Boez. Consol. un Colcos una cittade ditta per Riflettere bene; come Mettersi le E pur Curculion suda, e Derrata, o come popolarmente si dice Articolo, Genere. Magai. Var. e capo e principe e suoi cocchi (d una certa coperchio Piloso al sgridato tanto, tutto il si alzi ed alta stima tra gl Indiani, Comparirvi, Andarvi. morte d un Indie, e fanno un capo di mercanzia considerabile. [Val.] Algar. Op. 3. 77. Dopo il grano, il capo piu considerabile in Danzica sono le acquavite, [t.] Capo di roba da Rassegnarsi per amore o per Che capo! (roba buona; anche da mangiare). 80. [t.] Tanti capi di roba, segnatam. di biancheria. [t.] Capo di cenci (un cencio). 81. [Val.] Capo del dardo, rompi il capo. 225. Rompersi affare, non ve ne sente era l urlo della corda nascenza, la quale, dopo aver 173. La misura si coglie in due modi: o vero un filo di refe sottile sbrigato nel soldati le mani in capo, servono a dar volta in piu dei/no della mensa. Fir. As. 196. (C) Essendo gia a ordine da cena, fu messo in capo di tavola. [Val.] Car. Lett. 1. 48. Quivi stemmo a desinare ed a cena Acciocche uno cittadino abbia a di tavola. [M.F.] Fag. Rim. Stando in capo di tavola. capo altrove, s andava scusando. stesso che Capo di tavola. [Val.] Ant. Pace. Cam. Mot: Scaponirlo, Ridurlo al dovere. Fir. in capo di mensa lo fe Giov. Gualb. Manda adunque ai chiamano i baciti da seta che non tirano avanti il bozzolo. Diconsi anche Faloppe. 84. Unita a verbi questa voce, ne varii uso nel far di capo forma moltissimi modi di aire, de quali noteremo i principali. 85. [t.] Abbassare all altrui. = Vit. S. Giovanni. 165. Far [Val.] Accennare alle gambe e dare al capo. Far mostra di fare una cosa e farne un altra ; terra a qualche colonna, o vale Cominciar dal principio, fare come quello... d Esopo di E per cio persuaderli (i dove io m abbia il certi strattagemmi... con questi, accennando terzo libro nella fine ne capo, mi penso che applicheranno facilmente i loro rimedii. 87. Alzare il capo, fig. Ribellarsi. [Val.j Algar. Op. 1. 418. Biasimati ed anco severamente puniti coloro, che contro della religione si ardirono di star bene. Non e capo [M.F.] Alzare il capo o spediti sotto il colonnello Lucantonio po di svago, Sollevarsi, Scacciare il malumore. 89. Alzarsi il capo di mia cosa vale Esser condotta a fine. Sassctt. Lett. 29. (Man.) Davanti che se ne alzi il capo, si compira di satisfare al dovessero cosi lietamente Se 1 capo meco Verso, Modo. Segner. Mann. Giugn. una cosa. Pensarvi, Raggirarsela in mente, Avere una fantasia. Del Ross. Sveton. 223. B. Naut. med. tutti ne temessero assai, e che andasse loro pel capo di ogni diligenza, e spinto, avesse si rappresentarono... 91. Andare col capo rotto. V. Andare, [t.] Cron. Morell. 237. E pure s addirizzo assai cose,,ma e n ando sempre col capo rotto. 92. [Val.] Andare col capo rotto vale anco capo, per ottenerne l intento. Borghin. Disc. 2. 22. Eglino avevano aver piu temenza per Fiesole che per Firenze, Avvert. 77. (M.) Non potete si anzi dell occhio loro che Andare in capo. Dicesi del vino, o vale presso i inani in e ilo lo slesso che Dare in Arezzo, e raunata di nave Porre il ed armenti. M. che offuschi la mente ; infino in su le punte de piedi. P. Pensa se li sara ito in capo. 94. [M. la signoria della citta infedele, in sotto vuoto Leti. 1.224. E per il mal di capo. Frase dell uso che vale Averla a noja moltissimo. Bocc. Introd. mini. 41. spilla Che Capo di magazzino, di impiegati difensione d un capo capo Vi fu uno, collo. Di colpo dato. Enel Fi: Sacchett. salir la scala a (Gh.) Egli rispose: Pazzo da cento vdlte, ch io volessi entrar negli Umidi...; ma non v ebbi Vit. Pitt. E (Man.) Oh cerimonie disutili e quegli carro grande..., sopra il quale di mensa. Lo Vas. Op. Vit. I. 367. (Man.) checche sia, e particolarmente del a darsi buon tempo, e ad altre come a un capo. sim., che s alza ad (Mt.) E la cagion che quel tratto e 155. Entrar nel capo non vi avea il capo, e non vi attese. [Val.] 5. 11. (C) E perch il capo a Filippo, monte per trovarne maggior copia. essendo un ora di notte, disse infra se... Car. Lett. Fani. 2. 85. Non ho capo a versi. tiene la mano in capo, quattro (C)Lo Stradino mi prego bastone, Che sempre avesti Romagna, e facevan lor capo fole, E 41. 3. (C) Ne egli 96. Avere il Piede L ombroso capo il anche Pensare a quella, Farvi attenzione. Car. Lett. 1. 52. (C) lo non voglio altramente scrivere a sua esce di pena, E se capo ad altro. Baldov. Camp. Dramin. 2. i. (Man.) Intanto Venti capi Capo di tavola. a per capo cosa che puo essere facilissima il capo. — Non ci avere il capo a una cosa vale o Non ci pensare davvero, di capo. Cosa che disturbi, per {stanchezza o indisposizione. 97. [G.M.] Avere il capo con se o seco. Vale Essere nel suo pieno senno, e Attendere a cio di che si tratta. Mi pare che quel nostro amico, dall ultima Badia a Ripoli conduce al il capo con altrui. Annodarlo, Importunarlo. [Val.] Cavale, capo volsero agli ajuti divini. Berlini, quel che dite.98. Avere il capo forato. Fig. vale Esser senza cervello, Essere uno scimunito. Morel. G. Cron. 261. (Gh.) membri della beatitudine, o pure a lussuriare, o che vesta di soperchio, o conviti, o abhia il capo forato, non t impacciare uomini col fuggire tutto quello tuo, o commettergli tue faccende. 90. [Val.] Avere il capo verde, o rosso. avanti che la cuocino, sia Buonarr. Ajon. 2. 84. Vedete propria del briccone pel capo, oro Saltare l estro, per lo capo? 192. 100. Avere il capo vuoto, [t.] Significa varie cose : e il prenominato e compassione che quel e vuoto perche leggiero ( che piu propriam. dicesi Testa vuota, e peggio, Zucca vuota; e quest ultimo dice, oltre a leggerezza, ignoranza); e vuoto perche dolente e male sfacciamento, ajuto ciascuno, sendo nella Averla fra 1 capo e I collo. Aver la sentenza contro. La Celidora. 1. 5. Quando pero la casa o non casa, che lungo e penoso tentennio Chi l ha fra 1 capo e 1 collo signoria, che debbo aver il il pranzo fa mal, fa pro la cena. 102. [M.F.| Avere nel capo una cosa. Saperne ogni particolare. Cron. var. ant. 310. Era pure Gli e saltato in capo ufficio loro piu che mai, imperocche eglino aveano nel capo le cose delle Provincie. 103. [t.] Avere per il capo una cosa; Passare, Girare la cosa per il capo capo Degli steccali i padiglion che stanno sul pie diihitosi o molesto. Averla non verrebbero in capo a confitta, dice concetto tenace o proposito ostinato. fa capo il muro che da se, senza qualita che lo distingua. Io ho in giojucce per campar la famiglia, capo, Mettersi in capo, acquista varieta dal senso del verbo ; ma sempre e meno determ. e men fermo che o Figgere il capo in il capo. Rivolgersi, Far capo. Ar. Coni. Cassar, 4. 2. Mastichiamo un pezzo, so sapremmo finalmente ove rivolgersi, dove battere luna il mal gia preso, sottile AB e muro, o dalla banda sinistra cioe da a impresa non riuscibilc, quasi a voler rovinare un mitro col capo. Geli. Sport. 2. 4. (C) Lisahetta, colle spalle, se e un rompimento. 225. non : ne l ho capo. E 28. Io vidi sai ; i sono ormai stracco. 106. E Battere il capo nel muro vale anche Disperarsi. Varch. Ercol. 55. (C) E se continova non dee sempre ad ogni di non volere star forte, e aver pazienza, si dice : egli ha rabbia, e vuol dare del anche Capo di guerra. [Val.] nel muro. 107. [Camp.] Cadere in pena del capo. Commettere delitto capitale, Incorrere in pena qualche rilievo. (Tom.) 1 legumi Ed avia comandato che chiunque li passasse (i fossi di Roma) in pena (inali uno e accusalo. Condannare nel capo, per Condannare a morte, al taglio il capo, o sopra la 25. Se nonche qui da condanno nel capo. 108. Cavare altrui il ruzzo del capo. V. § 247. 109. Cavare di capo lui. Segr. Fior. Mandr. e non s e Persuaderlo quando io solo potessi mutarlo. falsa, ed anche Togliergliene ilpensiero. [Val.] nota il nome del fabbricante, un po di capo Buonarotti: Pagati a Andrea e cosa che io fugga sorte e di pigliar moglie a quel propizie e le funeste. Borghin. Disc. 3. 74. Non si puo a molli cavar del capo, che dove sieno i medesimi nomi Pagare tanto terminar l impresa, [t.] Non anche congiunzione di sangue. [Cors.] Fir. Trin. 4. 4. E non gnene caverebbe dal capo tutto il mondo. HO. Cavarsi di capo o del capo alcuna proposito, Stare in senno. Mach. E che vadano queste riflessioni, le Decam. Proem. Non solamente ci siamo serviti di quelli che propriamente si possono chiamare scrittori, cavando essi del capo loro le composizioni che danno fuori. ma di quegli ancora che si son messi rabbraccio, e ancora, teneramente lagrimando, 111. Cavarsi di capo fara dare (capo), perciocche lui capo.) Segner. Incred. . essa. V. Cavare. 112. Cercare il capo ad uno vale Cercare se ha porcherie nel capo. Car. leti. Tomit. 3. (Man.) Madonna Tifa di Salvestro prega mandarle un inarmotto per l arsi dirne il tutto Lunga fora al sole. 113. Chinare il capo. Rassegnarsi, Umiliarsi. [Val.] Algar. di tenere capo al detto inanimiti dai beni e spauriti dai mali soprannaturali, chinassero il capo. Segner. Incred. 2. 2. 1. Perche a questo ancora chinassimo il capo. 114. di Letto, Quella parte dove inv. 66. Si a capo, valgono Tutta la Per Stare, Essere sopra capo a checchessia. Bisogna mettere il capo 273. A capo Costoro scoppiavano, se il poeta . 2i. (C) E per il capo. [Val.] Varch. inimici, o fortuna di tempo maniera, che fu molto peggio se nominato l avesse, dandogli invenzione. Alleg. 76. (C) per contro di lui. 151. [M.F.] Dare sul capo Fece bene Malatesta... un baluardo Gli ha cinque. 310. spilletto. 60. da sul capo a un per le chiome, Presol con per romperlo. [G.M.| Fifj. Dare saranno i capi delle guardie. gran campione... Fare capo. sim., vale Impegnarli, Venderli, per e fig. 2. 291. Per rinforzi, ) E in Firenze capo che... Poi, Entrare in trovasi costretta a dar sul capo anco alla biancheria. 132. [t.] Dare tra capo e il quale di Capua. [Val.] fiq. d uomo, vale Per 6. / . 1. (C) d alto che senta misura ferisca, o tenda a ferire. Certi critici e certi uomini pii, a chi non e in tutto dalla loro, gliene libro.) [M.F.j Fa/j. e cosi — Piu fam. Darla tra capo e collo. — Averla tra capo e collo. 153. Darsi sul capo vale Venire a battaglia, Azzuffarsi. Buon. Ajon. Agg. 9. (Man.) Sendo Volterra e i nostri alle contese, E dandosi n (C) capo della legione e. s uni col popol genovese. [G.M.] .4»co di due ragazzi e annessa ancora la carica danno sul capo, se vengono 225. Si visitano (le stoffe) Empiere il capo di castellucci, e sim., Narrare frottole in quantita, Narrarne tante da renderne non ha ferma la mente la totale necessaria sua colmata,... vi potessi parlare, non potrei fare che io non vi empiessi il capo di castellucci. non prese, Fu che v ale Figurarsi Immaginarsi, Darsi ad intendere, sbatte ; Da uno, Iddio gliele dovesse Gli entro nel capo, non dover potere essere che essi vien la tigna. (Spesso il lor poverta. [G.M.J In altro senso, Entrare nel capo una cosa vale Capirla, Intenderla. Finalmente la gli e entrata nel capo. 136. [Val.] leti. 1. 69. Che se Dirigerla, Regolarla. Salvia. Eulifr. Platon. 155. Ti dicoche, essendo e cavato inanzi piu di desti aodietro. 137. Essere di suo capo. Essere di pero il capo ritrovar d della sua opinione, Voler fare a suo modo. Benv. Celi. Vit. t. 2. f. 236. (Ut.) Ora dovresti (dovreste) essere Perdere il senno che richiedesi non tanto superbi e di ha vergogna, o de capo nella fossa. Esser vicino a morire. Cecch. Esalt. Cr. Nov. Ant. 89. Avendo tuttavia io son, non che con pie, col capo Nella fossa, ne mando l autorita, perche poco Al fatto mio. 139. il capo. 221. Rompere capo, fig., per improvviso, Raggiugnerlo. Firenz. Nov. 6. Prima che alcuno di loro si accorgesse di nulla, egli slesso che Cavo, risalo specialmente [Val.] Essere in capo venuti dove parimente molte vie per venirne a Andare in distruzione, In mina. Non com. Bart. Cin. 2. (C) [G.M.] In buon senso. appunto n braccia mia cicalata che non ebbe tolse. n aveva preso il voler Esporre una cosa per sommi capi; Esporre una cosa, Trattare un argomento, non scendendo alle particolarita delle chiamino. capo le dette fontane Ma segnatam. delle idee. 142. a ch egli abbia con ragione entrata. Fornire un entrata di di morte. Aquil. li. 67. non sono un capo d entrata. 145. s era potuto metter nel 144. [M.F.] Far ciondoli in capo. [t.| Car. in detta minuta, di mio Lui (il tiranno) Tipocosm. 388.1 Capo di porco. Nelle milizie potriano far capo ; ed ch e nredicherebbono in li sudditi non possano fare ragunate. £ 3. 1. 40. pur con voi a capo risguardare all altro, e che non possa fare capo. 14». Far capo vale anche Terminare. G. V. 9. 258. 1. (C) La detta torre fece rovinare poi il fiume d Arno per un diluvio, dove — In capo, il pensiero chiude il sesto di Oltrarno. usto, che pesaranno per la altresi Fare residenza. G. V. 1. 44. 1. (C) Lo Re di Toscana... facea capo di suo poi se n ando a E 2. 7. 5. Gisulfo fu re di Puglia, e fece suo capo in Benevento. E altrove : Furon quasi signori di tutta J capo a frasche e in Ravenna. 147. Far capo, per Sentire contro voglia, Aver per male. Non com. e sanza guida. Cavale. Espos. Egli e vero che Alfonso fara capo, come quello che nevoleva servire l amico (Parla d un danno tra a me ? s egli l ha signore. Fr. Girol. Sien. Pist. capo, parlandosi di Strade, e sim., vale Sboccare. Bemb. As. 1. (C) Quelli mise nel capo e nella (Tom.) Dal posto, in cima di una cosa. Per Mare faccian capo, in qual piuttosto sia da mettersi, forono le cerimonie che si sospesi. [.Val.] Fortig. Ricciard. 22. 43. Ed ha nel mezzo un prato Dove far capo con ordine miro Tutte le strade. [Tor.] ; cioe Col capo penzolone La strada maestra, che dalla disgrazia in poi, non abbia stanco, a prender da capo ad un villaggio detto Diacceto, dove imbocca con altra che da Firenze conduce al Bandino, indi a S. Marcellino. H9. Far capo, parlandosi di postema del canapo grosso dell ancora. Cominciare a generar putredine, o Aprirsi. Vit. Ani. (C) Una alla farmacia, dove qualche volta fatto capo, infistolie. Buon. Fier. 4. 5. 15. capo di casa, nel quale di la, ridotto ha infuori In sul far della il capo. 10, una asta E vuol far capo. [t.] E piu com. Pensarvi seriamente sopra, Esserne preoccupato. la tua voglia, Ma Far capo a ano vale Indirizzarsi a chi ci sia guida, o ci giovi cotiiechessia. G. V. 6. 79. 2. [M.F.] Segni, Edipo, in. 65. operare, o Confonder la mente quando mi viene a mente, per fino al del popolo. l atti per loro capo, la citta, e tutta parte ghibellina faceano capo a lui. Segn. Slor. lib. 3. (M.) Con poche parole disse (l imperadore), che delle cose loro bisognava far capo Lo che dicesi anche, in impromesso. Red. Lelt.%. 108. E perche vi si dice per enfasi Si Ritornar o Tornare in V. S. da esso sig.^ena, a cui Ella dee far capo. [t.] Anco per aver notizie, o per darle, si fa capo a un luogo. che non posso vedere com inun luogo. Cercava il dottore quand e scoccata. Penna. Vegez. Fir. Trin. 2. 1. (C) con alcuno, per Accostarsi a lui per trattar checchessia, [t.] Sansov. Conc. Polit. Sarei preparato a cercarle mutazioni di stato, del contrario, Persuaderlo che sia Ma de Fidarsi interamente di o del far capo con altri, cavallo. E detto ass. senza con pazzi e con maligni che non sanno tacere ne sanno fare, non Ferrucci non ci sia la piu di questa. 152. El. 119. 1. Aveano fatto vale Stimarlo, Farne conto. V. Faiie. 153. Far capo e Far capo grosso (men com.), vale Fareragunanza, o massa di tutto l esercito. Vili. vale Polla, piu capi. 66. Avevano fatto capo in Arezzo libbre delle persone da noi amate e a cavallo. G. capo.) 239. Tener la Incontanente feciono un capo grosso alla citta Avervi genio, Averne 2. La gente sua vedendo faranno capo grosso qui. = Machiav. Op. 3. 79. (Gh.) In questo mezzo Carlo Orsino, Bartolomeo d Alviano,..., si deliberarono di far capo grosso in Romagna,... Lo stesso vale Far capo di guerra. [Val.] T. Liv. Dee. 4. 31. Allora si consigliare li principi delle Car. fiett. Arist. 2. 22. fare capo di guerra a Vejo o a Fidene. [t.] Fare altrui il maestro Cen. 1. nov. 6. (M.) insegnare agli altri.) 181. Far capo in checche sia, per Ostinarsi, Incaponirsi. Cecch. Stiav: 3. 1. (C) 0 lascia dire, gracchiare, e far capo Al mio Alfonso. Gal. Mem. e Lett. 1.209. ma non possono per capo della guerra. a un quivi principalmente, Adunarvisi, Farvi la massa. G. V. 6. 40. 1. (C) Raunandosi insieme a Garriet, quod neque caput compareat. chiesa di san Firenze. t Fare capo di alcuno capo nel 256. 11 patrone della gente a piede e a e il piu delle volte Mss. 244. Tornare in 9. ha da 198. Credesi che andar preso il capo in otto di di strinsousi insieme. 1SG. Far capo in dell uova, Ch Attenzione che vanno per tutte l capo di Per diligenza usata non ho potuto trovare le 50 copie che rimanga. 216. [Val.] Rimettersi si trasse, e non mi dice niente dove io far girare il capo. (Cosi 187. che mai a voler ritornare o a un luogo, detto di acque correnti, vale Scorrervi. G. V. 1. 38. 3. ¦6 overo ringrossaturc che si idee o de fatti. ad un grande palagio che si chiama Termine caput aquae. 188. [M.F.] Farci capo, e piu com. il capo per molli anni un re il capo e Averci pensato tanto o pensacchialo, o provatosi mezzi officiali, quattro dei quali... mare in Toscana. E 6. cose chiare, e che vedevansi vivere della male colla peggio. il capo grosso e abbia il padrone ad altro dice pure: Farci il capone. [M.F.] Magai. Leti. fam. 1. li. Prov. Tose. 322. Agio e camerata di cogliermi in una (a vi sia ci ho a trovarsi : ma io ci ho. fatto capo stranamente. [Val.] Fortig. Terenz. Eunuc. 5. attaccare qualche cavo, o gomena compierne un altra. che il appena l ostro, gli capo, per Salutare col cenno del capo. Cervqn. Descr. hntr. ecc. 17. (Gh.) Il quale (popolo) non si puo ancor 155. Di tante e dissi, non c e ue capo tutte le strade S. A. S. suoi significati proprii e figurati, a quelle donne, che, apparendo nobili, dalle finestre le facevano riverenza. 161. Venire in testa Per cuoprire suo capo; Senz essere indettalo o consigliato. Anche, Attenendosi all idea Ar. Far. 33. il capo. vendere, o da Plut. (C) Ma questa cosa Dimilrio non la fece 42. I quali, udendo e [Cors.j al suo padre, e il suo padre gli diede la licenzia, io 1 veggia, Un /). 218. Oltre a quello che si contiene Savonar. Gov. Rep. 2. 19. capo v sopra il capo di lui luigi. Cresc. St. acqua, per suo capo. Vit. Plut. (M.) Li La donna Friolana ci un num. 7. Guidava tutta ne Dione solevano ascoltare. Quindi si dice provero. nostre leggi... (Tom.) Quelle Divisioni capo paga di vie piu d un aguto Chi dispregia i il piu alto. ventura il far a suo modo, ordinariamente ne riesce con malanno, l ari all altro: Chi fa disila testa, ecc. 162. Far di suo capo vale anche Far di quanti cherici e Ani. 12. Assegnata una una di suo capo la minima cosa del mondo. Ferrara, capo maestro per sua il capo grosso costui? — Che t e dispiacere, Adirarsene. Segr. Fior. leti. 26. (Man.) Veduto non ci era guadagno, ho detto agli altri che non ho piu legne, e i. 85. Vi e sopra capo grosso. Fir. Disc. an. si poca balia [G.M.] E vedendo si fatta crudelta, ne fecero un capo grosso, che e collo. affastellato insieme lo Far suo capo un luogo. Adunatisi, Convenirvi. [Val.] Pecoron. 21. 2. I Guelfi faceano molto lor capo la Chiesa di uso. [t.] forza. 86. capo della cintura, con la [t.] Ho fatto un capo come un cestone, come un in lui metton capo. 187. altrui grida, o ciarle, sicche mi pare avere il capo tanto fatto, non mi raccapezzo piu. [t.] Talvolta anche senza esterna cagione, l intronamento de proprii confusi pensieri fa quest effetto. [t.] Non solo Bicominciare, ma anco ha fatto tanto di capo. [Val.] Baldov. Scherz. famigl. Corazz. 366. Tu m hai fatto un capo Grosso come un cestone. 166. [M.F.] Fare una cosa cosa. Capacitarsene. Bart. Chi. 2. attenzione. 167. [Camp.] Fiaccarsi il capo per mezzo,per Rompersi il capo in due parti uguali. Bibb. Macc. li. 14. fa di suo in cui virilmente tra le turbe, le Sen. Pisi. 71. Tempo verra, ascia da capo e nel per mezzo (venit per medium cervicem). 168. Ficcare Nel. 104. e tenuto restituire. Casar. Spieg. Entrare in un luogo, e pigliarne personalmente possesso. Maini. 1. 81. 82. (Gh.) Intanto Bertinella del reame Garbatamente 15. 2. fatica, e non se ne d ogni suo bestiame Prese il possesso in petto ed in persona ;... vuol indicare tanto disordine che il capo, volle Ch ognun piu raspare? 254. [Val.] 1. E si rivolto il corpo di combattenti nell assalire [Val.] Centro. Mach. Stor. di chi 2. 261. Non ve or vale Andar pensiero, o ha pensieri vani, [t.] E venuto fatto al mio disagio fanno girare il capo alle donne. [G.M.] Girare il capo significa ancora Aver per il capo pensieri tristi, Essere di cattivo umore. L ho trovato che gli girava cosi buono asino..., vicere. 189. [M.F.] Mettere [G.M.] Far girare il capo. Dar grave pensiero. Le son cose da debba far capo per trovarle. Non sapere dove uno s [G.M.] In senso piu tenue , Far girare il d argento (capila). in capo. di confondersi, di alterarsi. 170. esso appena gli avea anche usato per Dir di no ; perche quando senza il ruzzo del capo ad sogliamo esprimere questo capitani di fanteria, e il 3. 5. (C) Si si, gira pure il capo. Dat. Lepid. 65. (Man.) 11 dottore tasto il polso al scoglio, quando la galea si e faceva segno di esser poco soddisfatto.laghi, oaltrove. 15. 13. E, cosi detto, (C) Per Ben. Varch. 2. 2. Questo fa foce a Damiata in Egitto, e mette capo nel nostro mare. [Val.] Bart. Cin. 2. 67. Un cioe compagnia, e obbligato ad a Nanchion,... il quale volta egli ad entrarvi, puo scusar e di lui e successivamente di altri che pnjuolo : Sono intronato da [M.F.] Mettere giu il capo 4. Giunto la ve d con attenzione, Mettersi a farla di proposito. Fag. Comm. Chi vuol mettere il capo giu allo studio comincia di buon ora. [G.M.] E Mettersi a una cosa col capo vai quasi lo stesso. [M.F.] Mettere il capo a checchessia. Rivolgervisi con attenzione; Intendervi di proposito. Segni, Stor. Messe adunque allora il disapprovazione. Celi. V. Se ne un luogo in Firenze. 188. Mettere il capo in grembo a uno vale fig. Riposarsi sopra d alcuno, che Canapo. Fon. Ob. Fabbr. o dal capo 1. (C) E se parlato gli avete, e non vi pare per presenza, per dottrina, per lingua l origine , il principio capo in grembo, dite ch io non sia desso. [Val.] E Lett. Fani. 272. Tirar [M.F.] Amm. St. I Fiorentini, molle e strane fantasie, tuttavia a rifuggire..., un a questo dove che una brutta notizia. il capo insieme. Riunirsi insieme piu persone per consultare intorno a di becco pel capo al insieme per avvisare al modo di condurre a buon termine questo affare. 190. Metter nel capo a uno una cosa vale Persuadergliela. Bocc. Nov. 1. 36. (C) E come Per Principe. metter nel Bocc. Nov. 79. 4. (C) perdonare. M. fermo, tiraro. ¦41. Vale anche capo. ISO. la 12. (C) tanto sono paese non istava sicura. 191. [Val.] Mettere dentro al quale s ora gli e saltato in capo grande e risplendente, la alchimia, e chi ve la mise il verde e chi rinostra. fosse, buche, e Car. lavorare. capo, dicesi del Mettere, Tenere, e Portare sopra il capo Ebbe sempre piu il capo cappello, berretta, osim., che si cavano in segno di riverenza o di saluto. Bocc. g. ciascun non senza offesa, o sua scrittura ; ed essa ridendo la Io non so malati), i V. anche il § 2. 193. Mettere uno nel capo altrui vale Metterglielo in istima. Bocc. Nov. 1. 37. (C) Si il che per contrada non usata devozione di tutti coloro che v erano. 194. [Sav.] Mettersi colle mani sopra della testa. Mei. XV. Ter testa. nome Jaconte, ed era capo mani al petto, o sul cuore. Cam. pop. tose. Mettiti con le man sopra la testa, Quel che non vuoi per te agli altri non fare. —Mettiti con le mani il sera fila. [G.M.] Bio. Judit. 7. Gittaronsi in po , Invogliarne. Lasc. Cen. arditezza, di atto ad attendere. ; altro, Interamente. Ar. Fur. 33. terra che ha sotto da prendere. Riguarda e la a modo di una leva piu direttamente la mente. Meglio mettersi in cuore che in capo le cose. Pero il modo ha senso di biasimo talvolta, quello di Dur. Eserc. mil. 59. Questo S e inesso in capo di fare la guerra. — Mettersi, Cacciarsi, Ficcarsi in capo, nel capo una cosa. Ostinarsi a crederla. Mettersi e meno: poi viene Ficcarsi: Cacciarsi e piu forte e piu eletto. 196. [M.F.] Montare a capo di; Riuscire al di sopra di. Petr. Uom. III. Decio. 23. Tacito e non veduto, con piccola ma eletta compagnia, per oscuri e nascosi sentieri, sollecitamente monto a capo a nemici. 197. Negare il pajuolo in capo. Dicesi del Nonvoler giammai confessare la cosa che si abbia fatta, quantunque sia manifesta. V. Pajuolo. 198. Non arere altr occiiio in capo vale Non avere altra cosa che s ami piu; e si dice sopratutlo una d acciaio. Dello piede non hanno altr occhio Deck. e comandi seguitiamo ciecamente, per modo che pare che in Segner. Fam. Strad. 50. Venne giudicarne ci serviamo vede, col capo rotto. 93. del nostro. Bocc. Nov. 79. 13. (fi) E si abbiamo saputo fare, ch capo dell Imperio. [Val.] Mach. in capo, che noi. 199. [t ] Non aver dove posar il capo 1 Gherardini, che erano capo [M.F.] Non aver ne capo ne coda, cioe Ne principio ne fine, Nessun ordine. Pros. Fior. Con una certa da piede, e uno glieli no capo ne coda. Fiig. Pros. Si fa un lungo disordinato cicalio, che non ha ne capo ne coda. di quanto ha da esser ne coda. In quella casa non c e ne capo ne coda (indica disordine grande). Dicesi che un affare non ha ne capo ne coda, quando si Tosto che v ebbe fitto non vt da raccapezzarsi. Anche i Latini avevanoquesta frase, per la quale adopravano le che cosi fia grande l Captiv. Atto ili. Se. 4. Nugas ! ludificabitur, romore, fecero lor capo alla L e situazione tale alle righe, che alla ragna, e te ne sballera di quelle da non trovarvi ne capo ne coda. [M.F.] Non esservi in checchessia ne capo ne coda ; o In capo del ponte. ne fine. Far/. Comm. Nel lor discorso affetto della cortesia altri officio, e siin. [Val.] [M.F.j Non essere capo di fare checchessia. Non essere prudenza, convenienza, Non essere ant.) [Camp.] Capo-contubernio. Diz. mar. la terra soperchia, e dice in gen. Fornito d potrebbe divider volea. [Giul.] e le on sapere dove darsi o dar di capo, o dove si battere con l Aldegonda venire a chi, ne dove rifuggire o ricorrere. dietro a questa pace Bett. Arist. 1. 15. Quel 283. [Val.] Venire in sapendo piu dove dar di capo,... si con me, e sento bene Risp. al Lucardesi. Non saprei nemmeno dove mi battere il capo a trovarlo. suo : ina che capo mai il maggiore. 164. battere il capo. 203. come dicesi: Cose da ammattire.) abbia il capo; modo basso dimostrante Essere in una somma ignoranza, senza la capo d essersi tramutati in fa capo. 181. Far capo mise in capo a Dioneo. medici A capo alfinsu. V. 203. mi rigirare. 204. [Val.] Non star bene due bisognava star di continuo mezzo Nat. Cam. due eguali autorita a uno Stalo. Varch. Slor. 2. 502. Conchiiisero... che, non istando bene due capi a un busto, si dovesse levare la signoria e 1 gonfaloniere. 208. [M.F.J Non trovar capo ne coda di checchessia. Non ci si rinvenire. Bald. trecento uomini, che attendessero a 2. una cosa a uno. mai saputo Trovar di questo mal capo ne coda. 20G. Non trovare o Rinvenire ue capo no coda, o ne via, vale Non trovar di Libia, ed avvi in a far checche sia. [Val.] Ar. Comm. Suppos. bella posta non vengono a questa cosa appartenga vedere le cose e in trovo capo ne via perche lo debba credere. Maini. 7. 40. Perch cgli e stravagante ed alla moda, Clio non se ne rinvien capo ne coda. 207. [Val.] Non trovarsi capo a far checchessia. parlandosi di citta, vale Citta saper non Car. Lett. Fam. altrui il la un luogo [Val.] Estremita del filo, Bandolo. mi trovo capo da in Mach. Lelt. fam. 262. il capo. Impazzare, o un poco capo steso ; di maniera Firenze con lettere e suggello per difficolta di cose da e capo a pie ficca Slracc. 1.4. (Mt.) Tondo e V. i piedi. per forza lo torranno, gli Porre le mani in capo a uno. Soverchiarlo, Prendergli il sopravvento, Far con esso da per male, scingasi. 118. Far 2. 125. O stolta, come ti fai ponero le mani in capo, e dici mia colpa. di gamba, e a capo una cosa. Darsi a Dee. 2. 5. Allora fu Altri che si posero in prepos. Il capofila, si faccia. vasi di fiori. E appresso: o capo a una cosa. si pose in capo di avere nella vescica il diluvio. 212. [G.M.] Poter porlare il capo alto. Non avere di che arrossire, Non aver fallo cosa da doversene vergognare. Io posso portare il capo alto; di voi non so se e cosi. 213. Restare o Essere come mosca senza capo. Restare o Essere senza alcuno indirizzo. V. Mosca. 211. Rimanere o Andare col capo rotto o Ritrovarsi a capo rotto vale, nuovo canoviere a libbre dieci vien da reggenti.) 2. Non e niuno che non ne rimanga col capo rotto. [Val.] Fag. Pros. 129. Chi pretende sentire la predica, 2. I. gradini per volta, si capo piede. Volgere una cosa ritrovarsi, ruzzolandola, a capo rotto nel mia ancor s aggiunga a capo, Restare in memoria. Ricordarsene. Scelt. Lett. divers. Aut. forza nel paese non istava materia in capo ti scrive mandarmi della La corona in capo una cosa. Ricordarsene, Ri sovvenirsene. Scelt. Lett. fam. 103. Questa pure ho avuto a impazzire per rimettermela in capo, giacche ella non me ne lascio alcun esemplare. 217. de fiumi, (vorrei) intendesse capo, Ritornare sopra il capo, trasl., vale Incontrar male, Ritornare in suo danno : tolta la rnetaf. dalle frecce scoccate verso l alto, le quali che dia molto pensiero, che le scocca, ritornano e se tornera in capo, Nov. 77. 2. (C) Alla quale la sua beffa ritorno sopra il capo. Filoc. 2.Imperciocche noi dubitiamo, che senza fare il debito nostro la sentenza non rilorni sopra i nostri c;i-pi. Pass. medesima. Bocc. Nov. 68. 12. pietra, in capo gli ritorna. C e da vuotarsi il qual colpa tuttavia, da quel fonte solo derivata, poco appresso aggiunsi ancora come... In altri, D in capo, alla Al Pagan, In questa citta regno a una cosa. (Tom.) Fare molto crudele (la qual crudelta gli possa ancor Venir genio, voglia, desiderio, capriccio nome Mesenzio. [t.] Prov. Tose. 297. La mattia torna in capo al 8. [M.F.] In della matassa, diecsi, fig., dello Scoprire un uomo da mettergli il d una cosa , d un fatto che ci sia occulto. Lasc. Gclos. 2. 2. {Man.) Io voglio a bell agio di questa matassa ritrovare il capo. 219. [Val.] involtarsi per il capo una cosa. Venire a capo. frutto nessuno. 72. stato, letto slesso. In capo dice il capo cotali amorevolezze che ella gli era costumata di fare alcuna volta. 220. Rizzare il capo vale, p.g., Risentirsi, Riscuotersi, fiip. Slrav. 2 tO. M.) SY non veniva a Firenze con tanta furia a stuzzicare il can che dormiva, l accademia non avrebbe forse per ancora rizzato [Val.] Essere in Torcere il il capo altrui vale Percuoterglielo di maniera, che se gli rompa. (C) 222. cui vinto e dal peso, capo, nel fig. vile Recare altrui che e Punta di terra che sporge (C) Perdonatemi s io vi togliessi colai volta peccato biasimare, non sia tenuto ch io sono una di quelle che... avrebbono vaghezza d imparare. E As. 239. Ma quel fastidioso di quel compratore gli rompeva pure il capo col domandargli or»A una piu vuotarsi il capo e altra. [Val.] Fortig. Terenz. Formion. 3. 2. Mi saetta, strale, e sim.La parte il capo , oltre al signif. proprio, vale 37. (M.) Tre sono capo, ma iscrisselo innanzi Fir. Trin. 1. 1. Se ella fusse viva, io non mi andrei adesso rompendo il capo per questa. 224. (Tom.) di altro, che per male, pensare dia noja, e annoi. Dicesi altresi Rompicapo. Ma di cosa ricadendo sul capo di chi faccia un po impazzare, si dira: Glie un rompicapo-, di cosa che secchi, stanchi, faccia impazientire: Gli e un rompimento di capo. — Molti non avrei delle ranocchie Fatta ch e rompicapo, si annojano d ogni cosa, ogni cosa il detto padrone della nave [G.M.l Saltarti in e poi la riempi di voglia, il ticchio, il guerra per volonta e utile capo il fato, E le stelle sanza capo Cecch. Stiav. 3. capo. Voler intender bene una 1. era l amore a Nov. 98. 11. Per penilenza saltato in capo? capo tutta la mattina colla pel vivagno, dicesi pvoverb. del Pigliare una cosa per un altra. Buon. Fier. I. 1. 2. (Man.) Ne che ignorante delle cose note, Della sua terra la storia arrovesci, E spesso scambi il capo pel vivagno. 227. [M.F.] Saltare una cosa E ivi. Reg. in. 7. una cosa, un capriccio. Uso. Fag. Comm. bisogno che eglino esercitassero l di volere che i giostranti a cavallo abbiano a essere Ciapo e io. 228. [Val.] Scoprirsi il capo. che un tenga in capo, cappello o altro Levarsi in segno di rispetto e riverenza. Ar. Len. 3. 6. Scopriamoci il capo, perche non e lecito Udire a capo coperto il vangelio. 229. [Val.] Scoprirsi il capo a uno. Fig. Fargli riverenza, Sottometterglisi. Ar. Sat. 3. La pazzia Espos. Simb. 2. 4. (M.) giammai, d ir procacciando a cui Scoprirmi il capo, e piegar le ginocchie. 250. [M.F.] Scuotere capo vale meta di quello. piu Far capo in satisfaceva poco... scuoteva i! capo.— al Papa, perche cosi aveva modo basso: Scuotere il cestone. tolto il capo. 24(i. Trarre Capo ha cosa fatta. [Val] 1. 266. Le antiche provincie, vedendo come Roma era rinata, sollevarono il capo. 232. Spezzarsi uno. Sorprenderlo d Torcersi, Sviarsi alcuno vale rimesso. Pallad. per Inclinazione. Segr. Padoa, e combattimento. Ori. 1.18. 40. (C) vivere della 90. [Val.] pur ti vuoi spezzare, Perderai finalmente l armi e posa la testa di chi Stare col capo a bottega, fig., vale Badare a fatti suoi. Car. Slracc. 2. 3. (M.) Ora che stara col capo a bottega, come potremo noi serrasse il traffico e il Stare, Essere sopra capo a uno. Stare al di sopra di questo. Sacchett. Nov. 112. Siracusani... facevano li suoi E buco, nel quale si finestra, come ho detto, e ogni cosa notava.235. [Val.] si Ostinarsi a credere. capo che fig. Sopravvegliarlo, Vigilarlo. Pecoroni. 6. 2. Costui comincio a Trarre o Cavare parlare vogliamo una gran fossa, e sempre il Signore gli era sopra capo. 236. [Val.] Tenere, Avere, Considerare, Rimirare, esita., sopra capo uno. Averlo, Tenerla, ecc., superiore, e, secondo il senso, anco sovrano. Salvin. Disc, i. 20. cristallo il fusto, e non e d accordo con se medesimo; e chi non rimira sopra capo Iddio... 24. L argomento e la sicura, servitu. 237. [Val.] Teuere il capo fermo. Mantenersi nel cosa vale Fingerla, come in oggi e usanza, Quando bene Bartolommeo venisse qua, e qui si tenesse il capo ferino, non son genti da far male. 238. [M.F.] Tenere in capo. Non come lancia e spada [Cont.) non si levare il cappello. Onde [M.F.] [Val.j Cor . Eneid. lib. complimento usuale. Menz. Salir. Nel parlarti io tengo in zucca. (Piu volentieri diremmo in V. 12. 103. 1. (C) avvero, significante lo stesso, che capo ad alcuno vale Averne cura, Proteggerlo, Custodirlo, affinche per 2. 33. Contribuendo per ciascun ignoranza non cada in errore. Cavale. Med. cuor. (C) Se Iddio non mi Br. 1. 15. Il capo... cosi cadro io, come egli. Tac. Dav. Stor. 3. 35l. Teniate a capo della saetta si leghi... che non fallino. Cas. Lelt. 82. Nostro Signore vi tenga rispondeva a due argani. 30.8. Gel. 4. 13. Uh uh, che san Brandano ci tenga in capo la mano. 240. Tirare a capo una cosa. Condurla a fine, Terminarla. dicon alla posta. Pant. Arm. questa tela. = Cron. loro contro la disposizion delle suti i Visconti, che gli alarono, la guerra si sarebbe subito tratta a capo. 241. [Val. | Tirarsi in capo una col capo ; cioe con 143. Penarono tanto essi cose. Ar. Fur. 118. 17. parto in tutto opposta, Fabrizio, il quale muratore, una cosa in capo, parlandosi di disastro, Togliere in questo signif. 243. vale Sincerarlo. V. e sim., Rompersi il capo con dalla via della virtu, ecc. Dant. Capo l collo isteso e si la privilegia Che, perche 1 capo rio il mondo torca, Sola va dritta, magazzino, nell officio, ecc. Gozz. dispregia. Cosi i migliori indicazione di luogo. [Val.] Pccoron. capo dicesi del Cavaticcio delle Mettere, Tenere e Portar in Lor. Med. Poes. agguagliare la profondita del divello, in cui sia Battersi con esso lui, Venir (M.) Fa una Op. 2. 206. Ne gli la quella medesima terra ; e se 88. che voi oggi di grassezza ; se viene meno e magra, se torna capi. [Val.] Car. perche stanco convenerit acquata , mediocris, il lesto). Cresc. 2. 26. Se la terra cavata della fossa, e rimessavi dentro e ripiena, avanzera, sara grassa; e se manchera, sara sottile e magra; in danno di lui. Bocc. e s agguagliera, sara mezzana. 243. Torre, Levare il capo se. — Ho il - cercarla. 208. [t.] Perdere Benche... non mi paia da Capo della chiave. L Estremita vane, diversi Articoli o Punti de capo fitto. 200. A causa e terminata Senza un ci avete oramai tolto il capo? E dial. beli. donn. 206. quelli che hanno tanto amore vi togliessi colai volta il capo co l dimandarvi. Esop. Cod. Fars. fav. 20. indiani dalle cervello ch egli amor di la sua mente. 280. [Val.] il tuo doloroso a tor donna; la messe Sollevare il capo. del capo aggiusta. due piegature, e una Nov. 65. 14. (C) Egli Ove dimoragli duole il capo. non gli trarrebbe del capo nocciuola, ma tenuti in cosi abbassi, notando 1 volessi per si venisse. 247. cavare, e fece egli stesso dir di no, alcuno, vale Elrur. 2. 126. E po As. 210. (C) Egli e pure un un paletto di ferro Segner. hello, e il capo, perche aveva ricevuta noi potremmo col sanarlo trargli il capo ha capriccio. Fag. Him. un 1. (M.) Simb. 2. il capo in segno di riverenza, e per salutare altrui. Lasc. Rim. 2. 137. poi l 1. 2. Come vane Trarsi di capo infino alle... 249. Urtare il capo nel muro. Lo slesso che Battere il capo, ecc. di una cosa. la mano Vedersi alcuno in capo vale, fig., Vederselo superiore, sopranlendenle. Cavale. con esso ad affidargli il con di tanta bramata e in capo per maggiore quelli, che dee essere pari o minore. 231. Venire a capo. Venire alla conclusione, Venire a fine. Fr. Giord. Pred. S. (C) Volendole perfellamente conoscere o vedere, sono di troppa (M.) E ardito villaggi e puo venire a capo. Bocc. [t.] Da capo. ve le volessi tutte contare, io non ne verrei a capo in parecchie miglia. E di una cosa, vale Mostrarne 141. [t.] morire, di che tosto credeva e gli altri Capi di Egli non si verrebbeI a signor loro, fecero capo, e raccontare tutte le a tirarselo amara lingua, e subita 106. che non sa come ne possa Venire a capo, ormai Tanti capo, per Farsi un in ed. t. 2. f. 281. (Mt.) Ma quando per Comincio a l Estrema altezza un altra banda l e chiacchiera da capo. [Cors.| Sen. ci sono di molti capi occasione di essere ricercato con ragionamenti lunghi, e che a 2. 1. Puo essere che capo mai. [Tor.] Targ. accese pupille, e un tuono e mai Contra 1 tuo Marchese, nel corso di trent Poes. Vi maravigliate Che piacciano venuto a capo di terminare 75. fam. 43. Se io [t.] Con certa gente non c e da venire a capo di nulla. 282. [M.F.] Venire a buon capo di una cosa. Averne buon successo. Buon. Giamb. Introd. Virt. e. XI. Io mi sento di anche Usare soverchia applicazione. semplicem. per Capitare io potessi vale Persona avventata, irriflessiva. Pros. buon capo ne venissi. sperata cosa veggendosi esclusi, ne capo, per Cadere in mente. Algar. fossa capo una cosa. Venirti potea venire in capo cosi strano concetto. Gozz. Nov. 1. 204. 0 bene o male quanto a questi, Deput. Annot. mi Parte bianca. E 22. 2. proposito di un accidente... 254. [Val.] Venire in capo, quai chi 1 ruzzo del capo. 248. 3. 147. A tutti verra in capo un bel concetto. 258. [Val.] Venire in capo una cosa. tornare in capo) che ha di farla. Fortig. ferenz. Form. A. 3. Mi venne in capo Di scoprir quale fosse Dio, sia cheto; che Venire in capo, ecc., una cosa, per Pensarla. Gozz. Nov. 2. 25. Comincia ragionamenti, elio nel capo, ferma e quasi femine che Err. Giov. si [Camp.] capo a o vale Venire addosso, Intervenire. Pass. 18. (C) Faro beffe e scherno di voi, quando quello, che temevate, vi verra in capo. 288. [Val.] Volgere mette in evidentissimo risico... di alla rovescia, in guisa che il di sotto divenga di sopra. Noncom. Sacchett. Nov. 41. Le candele della cera faceva volgere alla mensa sua capo le mosse dal primo principio. Vuotarsi il capo vale Confondersi, Turbarsi, Stancarsi. Bart. Uom. Essere» capo V. § 103. 230. e piena, non accade cosa , or di un lambiccarsi il cervello. [M.F.] Guad. Poes. La logica che adopra Pulcinella, ,Non vi vuotate il capo, e la piu bella. [Tom.) Bemb. Slor. 3. 38. travi con lo stipite. 89. ai giornali. (Tom.) L uomo Prodr. Far con esso atti3. a richiamare alla memoria pigliano oltre il sopradetto sartiame a mettersi nella memoria , cose che penano a entrarci o a starci adagiate. [G.M.] E in signif. alt. Vuotare il si noteranno i principali. [t.] occhi vede un monticello, Che 226. Scambiare il capo politica e co versi. 260. Modi avvero. A capo alto. Post, avverb. vale Col capo alto. (C) Onde fig. Andare a capo, o col capo alto, vale Andare con i capelli tutti tagliati. Bart. Cecch. Assiuol. 2. 7. Ne o A capo chino. Solendo portare il capo a questo modo gli umili, gli avviliti, o gli svergognati, per simil. vale Nel modo di chi 2. Era in capo scemo. capo. 158. Esser col vituperati, o degli umili, e Principale. Morg. 19. 97. (Ci e dove la vena sfiora il lo fiume del Nilo, che capo di casa balordo. [Val.] parola le parti lia il capo [Val.| Vegez. 27. Le [t.] Prov. Tose. 329. Dio ti guardi dagli uomini a capo chino ( da chi affetta umilta o compunzione). 262. A capo all iugiu, e sogliono avere capo, ne dove A capo erto. Lo stesso che A capo alto. V. — Benciv. Espos. Patern. 85. capelli in capo. Bocc. Nov. vanno co di Ime, Capo d oca, capo di donna, La prima, chiamarsi capo, e coda ; come cavallo di pregio. 264. A capo Alto. Lo slesso che A capo all iugiu. V. - Ar. Fur. 30. 55. (M.) Fu si dal colpo Mandricardo afflitto , Che si lascio la un capo armonico. (Tom.) Capo D andar tre volte accenna a capo fitto,... 208. E A capo fitto e locuz. ellill., il cui pieno e In modo simile a chi in opposizione 103. (C) di ponte. [Val.] T. Liv. per esprimere eccessivo dolore. Buonar. Tane. o."4. «. 1. 4. 349. col. 1. (Gh.) E ella si tempesta, E caddene pe l duolo 4. s. 6. (Gh.) Che capo in giu. V. Per [Val.) Facendo riverenza, Inchinando il capo. Fag. Bini. G. 110. Ve ne ringrazio umile a capo in cio le si rendeva piu pano. Loctu. mano o le Notomisti una parte rilevata e a un capo pazzo, cioe A un uomo pazzo, All impazzala. Fr. Giord. Preci, ined. 2. 48. (Gh.) Sono di (Archi.) Capo, capo. Cons. mare, capo, V. , che vanno tanto arditamente , e sollecito col capo e egli e peccato loro. Non ai la piaggia,... corse per a capo pazzo, ma quando viene da amore. 270. [Val.] A capo raso. Con portamento fastoso, Procedere con superbia. Gin. 2. 162. Gli Osciani... per loro istituto vanno a capo raso. 271. [M.F.] A capo reci. Stare a capo reci Per verun capo. Ma conviene verso terra, quasi come in allo Tener capo. Cons. mare, 92. A 2. Cit. sempre vigila a spegnere guanciale, e sim. Berlin. Fals. scop. 91. (Gh.) E tutto giu.269. A capo tormentoso allorche ella si poneva a giacere a piu obbedienti, e a saviamente che le capi a alla coda. Marchett. altri girando il capo. Cecch. legnaiuolo,... Car. Commen. 82. (Gh.) sventato. Imprudentemente , Senza considerazione, Alla cieca. Brace. Binai. Dial. p. 144. (Gh.) Vi persuaderete una volta che messer Boccia non fa le cose a capo sventato. 27-i. [Val.] A capo tronco. Troncala la testa, Spiccala, Senza lesta. Corsili. Torracch. 19. 95. Il i Rulli a capo tronco A terra manda il Prngnanese monco. 278. A capo ha tre celle; una dinanzi capo di un luogo, cioe Dove ha fine, capo, termine esso luogo. Car. Daf. Bag. 1. (Gh.) Giunta (la Cloe) a capo la piaggia, tostoche vide le capre scompigliate, e senti la voce di Dafni,... i funicelli de gigliozzi, [t.] A capo a capo. Ero li a capo a capo. Fr. Tete-a-tete. 277. Da capo vale Da principio. Bocc. Papa fece solennemente le sposalizie peregrino da capo fattosi, tutta la storia..., racconto. [Val.J Ani. Pace. Guerr. Pis. 0. 9. I Pisani, assediala 40. [Val.] Lato, Angolo. Trin. 4. 5. Da una non ne posso venire a ridere, e sarebbe troppo lunga a coniarla da capo. [Cors.] Quindi, Farsi da capo vale Cominciare dal principio. Amm. Ani. 9. 8. 2i. Quando cerchiamo alcuno verso del salmo, noi ci facciamo ila capo. 278. Nov. 60. 19. Se io Di bel nuovo; ma propriam. cominciando dal principio della cosa. Si puo Fare e Dire di nuovo, non da capo. —-Bocc. Non. 13. 24. (C) E quivi da capo il Non. 27. 11. (C) Il celebrare. E Nov. G. V. 1. 3. 2. da capo il a volgarizzare le opere altrui. li bacio la fronte. E Vii. Dant. 27. Quindi reame nella citta di Chiusi. religiose. di Miseno , un 1. 5. seco a quindi da capo se ne sciloppo, ecc., come calmante, torpente, Varch. 4. 6. Quegli incitamenti che li rimuovano, benche, gia Ponte a Ema, fa capo diletto. [Val.] E 2. 36. Se la fesla non si rifacesse altamente da capo, la citta n avrebbe grande pericolo. T. Liv. credere. Gozz. Nov. 1. 114. da capo domandalo ai Padri che si dovesse 10. I principali e capo Duvanz. Perd. eloq. § 33. (Gh.) Messalla, quasi da capo rifattosi (cioe, ricomincialo di nuovo), signoreggia ad altre, Capitale. legione. E d altri parlando. M per la prima volta prender piede. 289. Fig. [Cors.] Dove il Ri del Rifarsi dice intensione, non ripetizione. 279. Da capo a fondo vale In tutto, Ovunque, hi Corintio, il quale volse Comp. prelati, De1 Non sappiendo far nel capo alla femmina, che capo a fondo vadano dirittamente. vada Capo tanto smisurata-, che (Gh.) In un esemplare di detto libro..., che si vede emendato a penna con minutissima esattezza da capo.a fondo da autore anonimo, si trova primenle la parola cadauna, e la stessa s incontra nell edizione,... 280. Da capo a mil. La centuria si divideva piedi, ed anche Da piedi puo anche del reame. 79. persona. Bocc. Nov . 79. 42. (C) Tutto dal capo al pie impastato, dolente e cattivo..., pur n usci fuori. Dani. In. 29. (M.) Da volta verso l Occaso. peccato di ammazzare un cosi Crist. Inslr. 1. 20. 9. Pieno di colpe da capo a piedi. [t.] Armato da capo a piedi, locuz. rimasta dal tempo delle antiche armature, segno usciale di casa, perche armi addosso al possibile e per difendersi e pelo/fendere. 281. Castel capo alla femmina, che pie o piede vale per simil. Da un estremo all J roporsi un idea e 103. (C) Il castello e si fatta guisa il desiderio e si forte geloso, che (Iron.: di chi crede aver quella che riceve il capo capricci.) Chi sia a vedere non gli duole il capo; prov. significante, che Chi non ha proprio interesse nell opposta citta di Capua, ch pena. (U) E in senso analogo. [Val.] A confortatore non duole quanto un capo di cento e ne guai [Val.] Andr. Lane. Eneid. lib. Vit. Plut. (Mt.) Li Persona gaja diciate il nostro cittadinesco tenergli capo, suono (fiume) ne duole il capo. Cosa fatta o persona piu della madre, Salvin. annoda al corpo per dopo il un cannello di vetro con Ricord. Malesp. 104. (C) Il Mosca de fanno di una trama differente : cosa fatta capo ha. Din. Comp. 1. 3. Dissono voleano fusse morto, parole pes e caput. Plauto. odio della morte, come delle ferite: cosa fatta capo ha ; e grandi imperi furono capi e la donna, e cosi feciono. Dant. Inf. 2. Grido: Platon. saziare di ragionar con grande lasso : Prender animo, coraggio. Mach. Star. Salviat. Granch. 2. 5. 0 a Vinegia 0 a capo al mondo ; Cosa fatta capo ha. [t.] Prov. Tose. 279. [Val.] San Donato rompe il capo a San Giusto. Prov. comunissimo usato a significare che 1 doni corrompono la giustizia, equivocando sul suono delle parole. Fag. fiim. il capo senso di Capo E per eslens. Bocc. baldanza Che san Donato rompere a san Giusto 11 capo suole, Inventarla. 61. Leti. fam. 20. tutte l esperienze, le quali capi tante sentenze, detto provero., che vale. Quanti sono gli uomini, tante sono le diversita dei pareri. Fr. Giord. Gen. 114. (Man.) Onde pero si dice: tanti capi, tante sentenze. tutte le tre giorni per Colonne, per Capitello. [Camp.] Bib. a traverso vi s attaccano altrettante basi di rame, le quali avranno i loro capi capo vale Dare altrui occasione [t.] Fare a Dir di corse per ajuto. 276. i quali erano sopra le capita delle colonne (super capita). = Bern. Ori. 1.8. 11. (M.) E le colonne di quel bel lavoro Han di Non puo farsi ubbidire chi 1 capo d oro. 297. (Leg.) Capo o Capi d accusa. Si dice de nondimeno... Tir. Lucia. 2. a dello capo cadesse. Onde [Camp.] (Mt.) 288. (Ar. Mes.) torji il capo con lettere del fusto, noja, importunarlo. Fir. Dial. beli, (Mt.) 29!». (Ar. Mes.) [Val.] Capo del martello. Il Grosso, col quale si Tac. Dav. Ann. 2. 42. dicesi Penna. Buonarr. Ajon. 3. priego della mia nemica, mi sua borsa, e signif. che Del capo del martel restar feriti. 300. (Bot.) Dello del Papavero. li sente. Bocc. capo di pros. 3. Rimase inchinato il collo, abbassano il capo. 301. (Anat.) Capo d un osso altro liquore frizzante insieme, m In modo simile tondeggiante, ch essi chiamano anche Protuberanza. (Mt.) 302. (Mar.) [Fin.] Capo. Titolo che indica superiorita relativa di un individuo sopra alcuni altri che sono posti sotto alla sua direzione. [Cont.] Cr. E come che e hanno fatto il tutti il capitano ; oltre de quali vi sono altri 9 di pensarci, che non se sul capo, parlandosi di oggetti 303. (Mar.) [Fin.] Capo di banda. Orlo superiore del fianco d un bastimento o si trattano. 61. Per Articolo, (Terap.) [Sei.] Capo di papavero. E il frutto del papavero bianco, secco, coi semi dentro, che si usa dai medici in forma d infusione, discernimento). Segner. Crist. Instr. 1. ecc. SOS. (Vet.) [Valla.] Capo di moro. Sinonimo di Cavezza di moro. V. 30fl. (Geog.) opposta agli ingegni. domi. 349. in mare. balte checchessia. La si ficca, alla quale nel a sbaraglio maggiore, rubo le accusare alcuno, se non di capo di neintenda piu nulla, manto le 128. A ogni poco mutava luogo, e finalmente al capo di Miseno, nella villa gia di Lucullo si La conoscenza del detto porto Mil. Primo, sim. V. A Bologna, dove poco E forzato libeccio li batte nella spiaggia di Cuma. d un disegno. 22. Levando gli Frastornarlo. M ha votato il ecc. (C) [Coni.[Vale anche l mare. [Cont.] Pori. Lev. 7. giudico. E 15. 217. Mentre e un capo recato bianco, vuoisi rimaner il detto capo al muro; maniera esprimente Mettersi levante. 307. [Cont.] Lo stesso detti, seguendo anco che bisogna navilio gli dara capo (al a dodici capi, delle quali ciascuna le mani in capo. Lasc. (Mar.) |Cont.] Lo fu loro in capo. 140. sulle navi. Fai. Vas. quadri, i. 8. Legando dette manovelle con capi buoni sopra alla.cinta della murata. E Nav. Capi o cavi. Canapi diversi. Cr. B. Naut. med. i. 81. Si cose che penano a venire passa 544 di capi sottili, per la settima parte della grossezza dell 146. Far il capo. Mostrare scontentezza, capo Pani. Arm. nav. 173. Un capo per far amanti lungo passa 27 di peso di Genova di cantara due, e mezza. 309. (Mar.) Cont. Dicesi Cavo di posta, di ragionare al popolo, ed essi usi cui il cavo e destinato. Cr. B. Naut. med. r. 37. Sono altri due capi, detti di posta, che Capo. Parlandosi di Luogo Far mostra di dire una M., e girava il capo, trova in porto, che [r.J Tiriamo ornai a capo nav. 173. Un capo di prodano per disarborare lungo passa cento di una pietra di peso 125. La capi, raccoglierali in trattandosi di io e divozione § 117. Car. o del [Val.] Civettare col capo. sta passo di legname galleggiante), o gli alcuna cosa vale anche Deporre, lo tiri. Casar. Spieg. Cons. mare, 11 padrone gli fara dar capo, cioe Farsi da capo, cosa e per , Andarne per lincea, e di recere, vomitare. Fam. 272. I detti navili del luogo, dove l accordo sara fatto, si partiranno insieme, e il padrone della nave avra promesso Op. 1. 416. Gli uomini, padrone del naviglio... Se per i. Riceve per simil. molli il detto capo al detto citta, s elli dovessero Non Stor. i. 4-59. Descrivendo di (C) In capo di scala alzar potesse capo nel muro [Val.] Battere un luogo, per Cons. mare, 92. Promesso che piu. E per cel. si vascello di proverbio: Che a confortatore non sorge presso osservare la promessa.