Il Dizionario della Lingua Italiana di Niccolò Tommaseo
     Home           Il Dizionario      Il Progetto      Contatti
spacer

Voci del dizionario

 

spacer

 

FAMIGLIARE

famigliare
famigliare
famigliare

 
spacer

Voci che contengono:

 

spacer
©   F . B O N O M I   2 0 0 6 - T U T T I   I   D I R I T T I   R I S E R V A T I



FAMIGLIARE e FAMILIARE. [T.] Agg. Da Famiglia, e pronunziasi e scrivesi ne due modi. QuaruV accenna diretlam. a famiglia, avendolo cosi addomesticato alla loro famigliari, scriverei colla G. Nel Doli. volg. 1. 38. o In un santo prelato. Salviti. Disc. es. lasciasi scritto come deinno i testi o le stampe. Contrapponesi e a quel che non e della famiglia e a quel che e conversazione. Cic. Colloquii. — Maniere ; e quindi al non secondo la piu vera d affetto o d intrinsichezza. a Domestico , ma segnniam. nel fig. ha i suoi propri». E anco quand e piu aff. distinguasi. [t.] Laddove Cic. In luctu domestico, in funere familiari, non si scambierebbe Funere domestico, Luctu familiari. E anche noi Domestiche gioje, dolori, meglio che Famigliavi. Non chiaram. dislinto nelse;/. =M. Minus familiari vultu respiccre. i. pistolenza (malanno) e al nocimento anco prendersi per agg. Piu dimestico e famigliar nimico. Bastava un de due. Ma il Servo e domestico, e puo se unito al Con. Il senso colla G; nell altro, Eremi. Impediti dalle faccende famigliari. Le famigliari abbracciano anche quelle di fuori e le lontane dalla casa, purche siano per la famif/lia. Toc. Cure. Cic. Uff. per le cose domestiche piu aculei, ma e ((nelle insolente; o di non dignitoso, non rimoventi dall uso di quelle la famiglia loro. — al pericolo. 10. Modi ile principi e de e degli amici, eie e quelli delle pers. che quand essi non vivano davvero in famiglia. Plin. Famigliare esempio puo comprendere e gli esempi domestici civ.; tutt altro che famigliare, frequentano la famiglia, e degli antenati, e de congiunti o affini che non vivono sotto il tetto medesimo. Uso spec; ora non com. De ragione, e anzi triviale ; Abituale). — Di difetto altresi. sanza Lue. o il vederle si richiede per ragion comune, voce sua come d un a rispetto del primo acquirente solamente. 2. Per estens. nocumento.| minislre. 8. Senso sim. .J Dizionario familiare, del con le pers., somigliante a quella che ha chi convive con altri di famiglia, [t.] Hipete la voce PI. Io son famigliare di questa famiglia. — Essere familiare in intendi a bastanza. Bisogna farseli sim. [t.] Esercizi a lui qualsiasi altro liioqo, cioe dal ben conoscerla noi, nel senso dei §§ 6 al 9. [t.| Anche Familiare con una pers. Cic. In due di mi s mano, e leggi l uno donna, che Quella essendo buoni, fanno che ogni uomo strano par che sia vicino familiar di pochi. (Qui la che per il numero vicino diventa strano. — In senso aff. ad Amico e sost. piuttosto che agg.; ma Essere familiare con alcuno dice quella confidenza che tiene dell amicizia. Di Dio, non da ridire, se non accompagnando con parole che temperino e dichiarino. Pelr. Cap. 9. (C) Poi quel che a Dio famigliar fu tanto..., Che nessun altro se ne puo dar vanto. Mor. S. Greg. 5. 19. gravi toccando, usano il ling. usitato, al nuovo. tale scienza, soave vento, per mostrar hen d essere familiari a conoscere i segreti suoi. Onde gia non predicano quello che Dio dice palesemente, ma solo quello che essi dicono che sia loro spirato segretamente. 3. Non della pers., ma degli [t."| A senza. [t.] Modi e alieno da essa erbe e le fontane e V. 9. 53. (C) Ninna [t.] E la pers. e i suoi discorsi e i Bocc. piu familiari al bifolco. — familiari ; e quando snona biasimo ha E perche Le cose famigliari non riverente, sempre dinnanzi, frequente l usarle trasl. Gli e familiare la di non verecondo, anzi sguajato e sfacciato. E dicendo che tale e troppo familiare in quella casa, E assai familiare Sansov. Conc. Poi. I fatti, ragazza ha de fari troppo familiari, o, peggio, E familiare con tutti, esprimesi piu che un sospetto. 5. Del parlare o dello scrivere, segnalam. concerne la qualita de soggetti e le maniere dell espressione : piu schietta e semplice com e il far di famiglia. |t.] Dialoghi familiari. = Coli. SS. Pad. aureo libretto d Epitteto, era e familiar disputazione del Vangelo, [t.] Lettere familiari, non solo che trattano faccende di famiglia, questo senso non avere co privale, non scientif. ne polit.; o che, dirette a pers. di famiglia o con le quali abbiasi famigliarita, anco di cose Dicono che hanno udita insino due dramme senza alcun gente colla. Le lettere familiari di Cicerone, anche a modo di sost. Le familiari. Cor. Lett. 2. de ricchi, e contrapp. supplira il corso ordinario della lingua, e spezialmente nello scriver familiare ; il quale ha da essere quasi tutt uno col parlare, [t.] Stile familiare, da potersi usare anco trattando gravi e ampi soggetti. — Familiare linguaggio. Locuzioni. Domestichezza, la confidenza che prendesi linguaggio familiare. 6. [t.| varii sensi : o di ci sono anzi non accrescevi come i giuristi dicono, familiare, ; Familiare prende senso aff. a Frequente. Vel. non essendo gia quella ferita I e familiare il passaggio. Vallisn. Op. 3. 499. L uso (dell oppio) appresso gli Asiatici e cosi famigliare che nulla piu, come Famigliare per Servo, Cure Dignita, Grazia che gli era la del comune parlare tra aff. all anal. signif. di Salviti. Disc. acc. 1. 129. ortica) un famigliare invincibile argomento, Long. Ortogr. Dalla E alla ititeli. Cas. Lelt. 69. (Gli.) un liquore, il quale... = suoi modi possono voler essere (Man.) E non che Gli era familiare il dolore, e l (tra affettuose ed affabili). Svet. rivi fossero in dispregio avuti, ma e furono nel primo familiarita, ne volerla. irritamenti della gola ; e per tutto si mandava... per le cacciagioni, per li pesci strani. 7. D impressioni corp., alle quali, per frequenza, l uomo abbia falla assitetudine. [t.| Petron. Voce agli orecchi miei familiare. Tra cel. e iron., di male che l uomo patisca frequente, [t.] La gotta, l emicrania e sua familiare. [Qui si fa sost.) Gli son familiari. Gli e familiare lo sbadiglio, a quel deputato : a quella donna, le lagrime ; le sono anzi [T.] Volimi. Op. 3. fl Si e scrivendo. 11. [t.| Terenzio e Virgilio in e fatto familiare. con quella e l altro, che tu l una casa e altro dal/ famigliari..., cantarli, recitarli, tradurli, E : Colore. Colum. Viridia li lasciar mai. [t.] Cic. cattivi, fanno che lingue, le parla francamente e a noi e piu familiare. Di libro. 230. Ce ne ai {l {Gli.) L Enchiridio, 2. 15. 27. (C) Privata famigliare ad alcuni sensi e mollo Negli acc. 4. 103. (Gh.) Maniera alla lingua di gergo famigliare, [t.] Ha familiari le due ogni uomo degli scritti rimastici, le scrive. [t.] Soggetti familiari a lui; Li conosce, Puo ragionarne. — Familiare una scienza. Plin. L arte statuaria e familiare all Italia da anlico. 9. Altri usi esserci una casa familiare, come familiari. Usodiventatogli familiare. Plin. Ep. E familiare a me comunicare tutti i. pensieri miei teco. — natura che, assuefatti, ne prendono familiare (piu eletto che Questa seconda qualita d erede, [T.j le ghiande e salvatichi pomi, il tedio; Si e fatto familiare L educazione domestica, nelle case coni, a parecchi de sensi not. [Camp.J firn. Bon. xv. 5. Benigno, giusto e vero Sia a ciascun, e la G, come nel cit. richiede che scrivasi senza famigliare, ma essendo Demostene, dieresi Op. 2. 293. Ne volendol un es. di D., in cui familiare e quadrisill.) [t.] Familiare d alcuno, tiene per veropiu del sost.; ma puo piu efficace, che 1 luogo... Ch io sono il versano sopra cose e in famiglia, e confidente confidenza nel trattare ; i(Di, un principio opinione, la tale lingua. aff. —Vita famigliare (Pi-), di famiglia, in famiglia ; Consorzio familiare, padroni Con dice lasempl. con piu o meno a/fello; ancora poco prezzali i familiari atti, [t.] Familiare convivenza, lontano familiari, e delle maniere nel conversare, e delle locuz. parlando dilettano delle loro cose, Abbi Familiari dicevansi gli Dei delle privale famiglie. Genio familiare di pers. odi luogo. |Cam.) Cam. Gian. del Petr.; nel sost. vedremo tacer, Dico di questo chiaro e in ma che proprio Dio familiare. 12. [t.] In Liv. Familiare alla Parie ostile. 13. vittima su cui s augurava volg. 33. de fragilissimi suoi 23. (Man.) Nel resto, vi la narle de visceri della D anim. Lab. 33. (C) Le fiere del luogo, siccome a lui famigliari e domestiche, a vendicare la sua ingiuria sopra me incitaste. [t.J Colum. Che i bovi si facciano Coni. D. i. 366. troppo Puo un animale essere di natura domestico e domestico in una casa, ma non familiare con tutti. 11. Trasl. [t.1 Plin. La luna, astro alla terra familiarissimo. impararli a mente, e non aquae familiaria (piante che crescono lunqo le acque).